(Fonte: RSI, Archivio fotografico)

Felicina Colombo (1901-1983)

 

Figlia di Augusto, nato a S. Lorenzo del Conte (Francia), e di Martina Grandini, nata a Barbengo, Felicina Colombo vide la luce a Bellinzona il 14 aprile 1901. Il padre era di professione meccanico presso l’Officina della Gotthardbahn, la madre casalinga. La famiglia Colombo era di origine italiana e fu naturalizzata nel 1891 con attinenza di Bremgarten nel cantone di Berna.  

Frequentò le scuole dell’obbligo nella capitale e conseguì il diploma di maestra presso l’Istituto S. Maria di Bellinzona nel 1920. Nell’estate del 1922 fu nominata dal Municipio di Bellinzona e assegnata alla sede di Ravecchia, dove rimase fino al 1931. Nello stesso periodo insegnò la lingua francese nelle scuole professionali della città. Nell’estate del 1925 ottenne la patente d’insegnante di scuola maggiore. Più tardi, all’Università di Friburgo, conseguì il Certificat d’aptitude à l’enseignement moyen e, due anni dopo, nel 1942, il Certificat d’aptitude à l’enseignement  secondaire in lingua e letteratura italiane, storia e lingua e letteratura francesi. A conclusione di questi studi le fu conferita la licenza in lettere.

Nel 1931 Felicina Colombo diventò Ispettrice degli asili al posto di Teresa Bontempi, destituita dalla carica dal Consiglio di Stato. Convinta seguace del metodo della pedagogista italiana Maria Montessori, la Colombo si batté affinché gli asili fossero una preparazione prescolastica per tutti i bambini. Nel 1952 venne chiamata alla vice direzione della scuola magistrale femminile e come insegnante di pedagogia, cariche che lasciò, per raggiunti limiti d’età, nel 1965.

Chiamata nel 1937 dallo scrittore e docente Pio Ortelli, Felicina Colombo fu anche collaboratrice di Radio Monteceneri, dove diresse la corrispondenza coi bambini. Con lo pseudonimo di “Lucciola” animò per molti anni una trasmissione di racconti, giochi, musiche e canti per i piccoli ascoltatori.

Nel 1940 il nuovo capo del Dipartimento della Pubblica Educazione Giuseppe Lepori volle introdurre un bollettino dal titolo Radioscuola della Svizzera Italiana, che fu redatto da Felicina Colombo, Piero Bianconi e Virgilio Gilardoni. Durante la guerra, la Colombo aveva iniziato a proporre delle lezioni, diverse delle quali furono premiate. Negli anni Sessanta si cimentò pure con il mezzo televisivo preparando alcune lezioni di Telescuola.

Felicina Colombo fu attiva nella Commissione nazionale svizzera dell’UNESCO e collaborò con la Croce Rossa e il Dono svizzero per le vittime di guerra. Tra le fondatrici della prima sezione di esploratrici a Bellinzona, fu sportiva appassionata di montagna con il CAS e l’UTOE, ma anche monitrice per molti anni della Società federale di ginnastica della capitale.

Fu sempre sostenitrice convinta dei diritti delle donne. In occasione delle elezioni comunali del 1972, Felicina Colombo fu eletta brillantemente sulla lista del Gruppo liberale radicale per il Consiglio comunale di Porza.

Dopo lunga malattia si spense il 14 aprile 1983 ad Ascona.

 

Biografia redatta da Pasquale Genasci nell'ambito del progetto "Tracce di Donne". 
© 2016 AARDT – CH 6900 Massagno

 

Fonti e bibliografia