(Fonte: AARDT, Fondo fotografico)

Linda Brenni (1914-1994)

 

Nacque il 14 luglio 1914 a Mendrisio, figlia dell’ingegnere Ettore Brenni e di Matilde Brenni. Frequentò la scuola primaria di Mendrisio ed il Collegio Femminile Bianconi di Monza. Durante la Seconda Guerra Mondiale aderì al Servizio Complementare Femminile (SCF), arruolandosi come volontaria capo colonna delle truppe motorizzate femminili ticinesi per conto della Croce Rossa, presso la quale rimase attiva per molti anni anche dopo che fu terminata la guerra.

Nella seconda metà degli anni Sessanta, Linda Brenni si aggregò alla sezione giovanile del Partito Liberale Radicale, condividendo la lotta per l’ottenimento del suffragio universale femminile in Ticino, obiettivo che fu raggiunto il 19 ottobre 1969. Nella primavera del 1971 si candidò e fu eletta in Gran Consiglio come rappresentante del Partito Liberale Radicale assieme alle amiche di partito Elsa Franconi-Poretti, Elda Marazzi, Alice Moretti e Dina Paltenghi-Gardosi, alle colleghe del Partito Popolare Democratico Dionigia Duchini, Ersilia Fossati, Rosita Genardini, Rosita Mattei e Ilda Rossi e alla socialista Marili Terribilini-Fluck. Linda Brenni fu inoltre la prima municipale donna eletta nel Comune di Mendrisio, che la vide in carica dal 1972 al 1976.

Nel corso della sua carriera politica comparve spesso sulle pagine della stampa locale, dove intervenne anche personalmente per denunciare ciò che riteneva ingiusto. Combatté in difesa di diverse questioni ambientali e a favore della salvaguardia del territorio ticinese; proprio per questo può essere considerata una pioniera dei gruppi ambientalisti nati qualche anno più tardi in Ticino. Si dedicò inoltre a questioni di tipo sociale, divenendo membro del comitato del Movimento per la dignità dell’uomo nel 1972 e del Comitato cantonale di opposizione alle iniziative antistranieri nel 1977.

Tra il 1972 ed il 1989 ricoprì la carica di giurato popolare di Mendrisio, ciò che comportò la sua partecipazione a diversi processi.

Dopo una vita passata a difendere con coraggio i propri ideali, si spense a Mendrisio il 21 gennaio 1994.

 

Biografia redatta da Giorgia Andreani nell'ambito del progetto "Tracce di Donne".

© 2015 AARDT – CH 6900 Massagno

 

Fonti e bibliografia