(Fonte: AARDT, Fondo Residenza Emmy)

Maria Luisa Albrizzi (1894-1984)

 

Figlia di Pia Primavesi e di Giuseppe, Maria Luisa Albrizzi nacque l’8 novembre 1894 a Lugano.

Dopo aver svolto i primi studi nella sua città natale, si spostò a Milano per frequentare l’Istituto delle Orsoline.

A causa delle precarie condizioni di salute dovette abbandonare il sogno di diventare suora missionaria ma si adoperò costantemente nel campo dell’assistenza e dell’aiuto al prossimo. A partire dall’inizio degli anni Trenta, si prodigò per alcune missioni africane e successivamente collaborò con l’Opera Santa Filomena ricoprendo il ruolo di segretaria. Dopo il 1968 l’attività dell’Opera fu convogliata in una nuova associazione, fondata da Albrizzi (che la presiedette fino al 1985) e denominata Medaglia Miracolosa. L’unione di questi sodalizi renderà possibile l’espandersi delle attività in svariate parti del mondo.

Per il suo costante impegno, nel corso della sua vita ricevette importanti riconoscimenti tra i quali figurano la Medaglia Benemerita del Vaticano (1976) e l’Ambrogino d’Oro della Città di Milano (1981).

Maria Luisa Albrizzi si adoperò pure per migliorare la situazione delle giovani in Ticino svolgendo un ruolo di spicco all’interno dell’Associazione delle Dame della Carità, promuovendo la fondazione di Casa Santa Elisabetta a Lugano e presiedendo la sezione cantonale dell’Opera Protezione della Giovane (oggi Pro Filia).

Alla fine degli anni Cinquanta fu tra le fondatrici della Federazione Ticinese delle Società Femminili (oggi Federazione Associazioni Femminili Ticino) della quale fu la prima presidente, adoperandosi soprattutto nella lotta per l’ottenimento dei diritti politici femminili. L’interesse per la questione sfociò pure nella fondazione, dopo il 1971, del Gruppo Donne PPD, partito nel quale militava da svariati anni.

Il suo impegno all’interno della Federazione Ticinese delle Società Femminili si focalizzò anche nella promozione, in compagnia di Emma Degoli, della realizzazione della Casa per persone anziane (oggi Residenza Emmy) che vide la luce nel 1972.

Si spense a Lugano nel 1984, alla soglia dei novant'anni.

 

Biografia redatta da Susanna Castelletti nell'ambito del progetto "Tracce di Donne". 
© 2014 AARDT – CH 6900 Massagno

 

Fonti e bibliografia