"Così non va!" (Keystone)

"Siamo contro qualsiasi forma di razzismo"

Matthias Hüppi torna sui fatti di San Gallo, la SFL apre una procedura per fare luce

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per la quarta giornata di Super League, sabato sera il San Gallo ha ospitato il Sion, trovando un punto dopo una sfida terminata sull'1-1. A caratterizzare in negativo la partita del kybunpark è stato l'ennesimo caso di razzismo, con il portiere dei vallesani Timothy Fayulu preso di mira da alcuni sostenitori dei biancoverdi. Nel finale, poi, si è pure scatenata una rissa che ha coinvolto tra gli altri anche Constantin senior e junior. Raggiunto dai nostri microfoni, il presidente del San Gallo Matthias Hüppi ha esordito così: "È difficile adesso rilasciare un'intervista perché ancora non sappiamo con precisione ciò che è successo".

Bisogna verificare attentamente l'accaduto prima di dare la colpa a qualcuno Matthias Hüppi

"Credo che non sia nemmeno da mettere in dubbio che noi siamo contro qualsiasi forma di razzismo", ha poi proseguito il 63enne. In chiusura il presidente dei sangallesi è tornato pure sulla rissa tra le due squadre: "Una partita non deve diventare concitata al punto di creare una situazione di tensione e violenza come quella di ieri. Non abbiamo nessun problema con il Sion, siamo sempre andati d'accordo e non esiste una rivalità. Così non va!".

La SFL apre una procedura, Fayulu intende denunciare

Nel frattempo la giustizia sportiva e civile si occuperà dei fatti di San Gallo. La SFL ha infatti incaricato la propria commissione disciplinare di fare luce sugli incidenti, mentre il portiere del Sion Timothy Fayulu, verso cui sono stati rivolti i presunti insulti, è intenzionato a sporgere una denuncia contro ignoti.

 
Condividi