Partitella a porte ravvicinate (rsi.ch)

Ambrì, squadra che vince non si cambia

Cereda sembra voler riproporre le linee che hanno battuto lo ZSC

giovedì 07/12/17 12:14 - ultimo aggiornamento: giovedì 07/12/17 16:23

di Federico Fiorito

Dopo il brillante successo sullo Zurigo di sabato, l'Ambrì torna in pista nel weekend in due partite piuttosto complicate, ciascuna a modo proprio. Alla Valascia venerdì arriva infatti lo Zugo, contro il quale i biancoblù hanno già perso due volte in stagione e con cui sono in programma sei sfide, esattamente come contro Lugano e Davos. Sabato è invece in programma una trasferta a Langnau contro dei Tigrotti che attualmente denotano un buon momento di forma.

Alla ricerca di continuità sul piano delle prestazioni, dell'intensità e di quella mentalità vincente che tanto fatica a instillare nei propri giocatori, Cereda sembra intenzionato a proporre le stesse linee scese sul ghiaccio nel 4-0 rifilato ai Lions. Spazio dunque a Moor in difesa, a Guggisberg e Incir in attacco, mentre in cinque si giocheranno il posto o come ottavo difensore (Trunz), o come 13o attaccante (Lhotak, Monnet, Trisconi e Mazzolini).

Nella sessione di allenamento odierna, in cui non erano presenti Gautschi e il lungo degente Pinana, il coach di Sementina ha chiesto ai suoi ragazzi la solita grinta con veloci esercizi di transizione per arrivare al tiro nel minor tempo possibile.

Coppie di difesa: Zgraggen, Plastino; Collenberg, Fora; Ngoy, Jelovac; Moor, Trunz.

Terzetti d'attacco: Kubalik, Müller, D'Agostini; Zwerger, Emmerton, Guggisberg; Lauper, Goi, Berthon; Bianchi, Kostner, Incir (Monnet, Lhotak, Taffe, Trisconi, Mazzolini).

Seguici con