Così Dostoinov ha aperto le marcature (Keystone)

Brutta sconfitta del Lugano a Langnau

Seconda partita consecutiva senza gol fatti per i bianconeri

venerdì 12/01/18 21:53 - ultimo aggiornamento: sabato 13/01/18 14:01

Il derby sembra essere stato solo un toccasana momentaneo per il Lugano. I bianconeri, dopo i due successi del weekend scorso contro l'Ambrì, hanno perso a Zugo e soprattutto sono caduti malamente a Langnau. I Tigrotti si sono imposti per 4-0, approfittando in particolare di un secondo periodo apatico da parte dei sottocenerini, a secco di reti da due incontri consecutivi.

La squadra di Ireland, che ha dovuto fare a meno di Furrer (ammalato) e di Wellinger (infortunato) e che ha inizialmente schierato Manzato, è parito con il piglio giusto l'incontro, andando subito a sollecitare Ciaccio con Brunner, Lapierre e Fazzini. Ma la partita, equilibrata e divertente nei primi minuti, è diventata un calvario per i luganesi dopo la rete di apertura di Dostoinov (16'19"), che ha approfittato di un disco non controllato dal portiere bianconero.

Il Lugano nel secondo periodo è infatti entrato in pista senza mordente, e la formazione dell'Emmental ne ha approfittato per raddoppiare con lo stesso ex leventinese (all'11o centro stagionale) e per allungare con il nuovo arrivato, il difensore canadese Barker, che dopo un palo nel primo tempo ha trovato il pertugio per bucare Manzato, poco brillante nella prima metà di confronto e sostituito da Merzlikins.

Ma anche il portiere titolare poco ha potuto, tanto che prima della pausa la formazione di Ehlers ha trovato il 4-0 con Seydoux, chiudendo in pratica la partita, che negli ultimi 20' non ha più offerto molto, se non la gioia dei padroni di casa per il secondo shutout nel giro di 24 ore e il duro scontro tra Barker (penalità di partita per lui) e Klasen, uscito intontito dal check irregolare subito.

 

 

Seguici con