Il ticinese assente in Nazionale da tre anni
Il ticinese assente in Nazionale da tre anni (rsi.ch)

Tanti curiosi e chi si fa la foto con Pestoni

Il ticinese: "I Mondiali? Ho imparato che non bisogna guardare lontano"

dall'inviato Federico Fiorito

Tanti giornalisti, ma anche diversi curiosi, hanno accolto la Nazionale al primo allenamento in vista della Deutschland Cup. Ci sono alcuni giovani delle scuole, mamme con bambini piccoli e dei pensionati. Una folla per essere un martedì mattina qualunque nella piccola cittadina di Wetzikon, sintomo che l’entusiasmo dopo l’argento conquistato a Copenaghen non è mica scemato. Anzi!

C’è chi guarda i giocatori per alcuni minuti, chi si ferma per tutta la sessione e chi scende verso gli spogliatoi per poter scattare una foto con i propri beniamini.  “Ci sono Hofmann o Genoni?”, chiede un ragazzino accompagnato da suo nonno. “No”, gli rispondono dallo staff della squadra, elencandogli i presenti, affinché il giovane tifoso possa decidere con chi farsi immortalare. Alla fine la scelta cade su Inti Pestoni, forse per il suo recente passato nella vicina Zurigo o forse - chissà? - perché in Nazionale manca da tre anni.

Nel passato ho imparato che guardare troppo lontano non ti aiuta tanto Inti Pestoni

“Gli ultimi tre anni non sono andati benissimo – ha spiegato il 27enne, uno dei veterani di questa selezione – Quest’anno ho iniziato in modo abbastanza positivo e sono molto contento di questa chiamata”. Ma non si fa illusioni l’attaccante del Davos. Sa che l’obiettivo Mondiali è molto lontano e che per centrarlo occorre impegnarsi in campionato e riuscire ad entrare nei meccanismi di Fischer. Ci proverà. Nei prossimi campi, a dicembre e febbraio, scopriremo se ce l'avrà fatta.

Condividi