Un momento della preparazione estiva
Un momento della preparazione estiva (Ti-Press)

"Un difensore straniero non è fondamentale"

Il biancoblù Cédric Hächler sa di avere delle buone chance per mettersi in mostra

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per Cédric Hächler Ambrì è la quarta tappa in carriera. E come già gli era capitato a Bienne e Rapperswil, anche in Leventina il 27enne si trova a giocare in una squadra con quattro stranieri d'attacco. "Questa impostazione ovviamente obbliga noi difensori svizzeri ad assumere maggiori responsabilità - ha spiegato l'argoviese - ma è una buona opportunità per metterci in mostra e per dimostrare che anche noi siamo capaci di dare input importanti. Avere un difensore straniero non è fondamentale".

È bello avere la possibilità di essere sul ghiaccio in powerplay, in boxplay e nelle fasi calde di un confronto Cédric Hächler

Cresciuto nelle giovanili degli ZSC Lions, Hächler nella stagione 2011-12 ha giocato negli U20 del Malmö, ma ha anche disputato una partita nel massimo campionato svedese al fianco di un certo Linus Klasen. "L'esperienza in Svezia mi ha dato molto, non solo sotto il profilo tecnico, ma soprattutto dal lato umano - ha raccontato il nuovo difensore dell'HCAP - Sono contento di aver scelto, a 17 anni, di andare a Nord. Non rimpiango nulla".

 
Condividi