Un campanello d'allarme ha suonato:
Un campanello d'allarme ha suonato: "Ho preferito fermarmi per non farmi male" (rsi.ch)

"Semplicemente oggi non ne avevo più"

Lara Gut-Behrami spiega il vero motivo del suo abbandono in gigante

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Due porte e poi stop. L'ultima gara stagionale di Lara Gut-Behrami si è chiusa così. Con un abbandono e con un mistero. Errore tecnico, problema di materiale, o addirittura una protesta dopo le tante polemiche di questi giorni. Le ipotesi si sono sprecate. Ma a chiarire tutto ci ha pensato lei in un'intervista per la Domenica Sportiva rilasciata al collega Giampaolo Giannoni. "Semplicemente era finito tutto - ha spiegato la ticinese - Stamattina ho fatto di tutto per riuscire a sciare e tirar fuori l'ultimo briciolo di energia. Di solito il clic finale te lo dà l'adrenalina. Ma oggi invece del clic ho avuto il campanello d'allarme che mi diceva che rischiavo di farmi male. Perché la pista era difficile, uno dei giganti più complicati della stagione. E oggi non ne avevo più. E visto che l'ultima volta che ho forzato nonostante i campanelli mi sono fatta male, ho preferito fermarmi".

Anche alla partenza del gigante ai Mondiali ero esausta esattamente come oggi, ma lì l'adrenalina mi ha dato l'energia per vincere l'oro Lara Gut-Behrami

"È difficile essere lucidi a fine stagione perché alla fine vorrei sciare sempre, vorrei fare del mio meglio. Se non scio perfettamente da cima a fondo mi arrabbio, faccio fatica all'inizio a prendere le cose in modo positivo e vedo sempre più il negativo che il positivo - ha poi raccontato la campionessa di Comano - Il lavoro a livello mentale è fondamentale. Io ho avuto la fortuna di avere un mental coach in casa, perché mio papà, col suo modo di porsi e il suo modo di parlarmi, ha fatto quello che viene descritto in tanti libri di psicologia. Il pensare positivo ti porta  a convincerti che puoi fare le cose, e non è un negare i problemi".

È stata una stagione lunga e non facile da gestire per tutto quello che ci è successo attorno Lara Gut-Behrami
 
 
Condividi