Concentrata ma rilassata sul ghiacciaio austriaco
Concentrata ma rilassata sul ghiacciaio austriaco (Keystone)

"Senza pressione e con una sciata semplice"

L'esperta Lara Gut-Behrami relativizza l'importanza della gara di debutto a Sölden

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Lara Gut-Behrami è pronta per il debutto nella nuova stagione di Coppa del Mondo, e con l'esperienza sa anche gestire questa prima gara della stagione, sulla quale le sciatrici, gli sciatori e gli addetti ai lavori riversano forse sempre troppe attese, dimenticandosi che è una gara come un'altra: "Non è il fatto che sia una gara come un'altra. Secondo me la si enfatizza troppo, e non è la stessa cosa".

La 30enne di Comano ha poi precisato il suo pensiero: "Semplicemente rientra nel contesto: è una gara, non emette nessun verdetto. Spesso ci si mette nella condizione di arrivare a Sölden e dirsi "oddio adesso cosa mi invento". Invece durante l'inverno fai una gara dopo l'altra cercando semplicemente di evolvere e di presentarti al cancelletto con la condizione fisica del giorno. A Sölden invece deve essere tutto perfetto, se non funziona è crisi. C'è già tensione un mese prima, maggiore rispetto a un'Olimpiade o un Mondiale".

Quando non va bene è difficile, quando va bene è difficile, sicuramente lo sport non è la strada più semplice perché ogni giorno ti rimetti in gioco

La ticinese durante l'estate ha cercato di continuare sull'onda dell'ultimo inverno, ricco di importanti successi: "Abbiamo cercato di prendere la semplicità della sciata dell'anno scorso continuando a lavorare su quello, senza inventarsi nulla di nuovo e complicarsi la vita inutilmente. Abbiamo cercato di migliorare e crescere senza sottovalutare l'aspetto fisico".

 
Condividi