Pena più severa per il doppista azzurro
Pena più severa per il doppista azzurro (Keystone)

Bracciali e Starace radiati dal mondo del tennis

Maxisqualifica per i due giocatori italiani coinvolti in un giro di scommesse

La Tennis Integrity Union (TIU), ente che vigila sulla regolarità di questo sport, ha deciso di radiare il 40enne italiano Daniele Bracciali comminandogli anche una sanzione pecuniaria di 250mila franchi per la vicenda di scommesse legate al torneo ATP di Barcellona del 2011. In questa inchiesta era coinvolto anche l'altro tennista azzurro Potito Starace, 37enne ora ritiratosi, il quale è stato a sua volta bandito per dieci anni da ogni attività legata al tennis. Ex membri della squadra di Coppa Davis, Bracciali è stato un Top50 in singolare e ha vinto l'ultimo torneo di Gstaad in doppio arrivando in carriera anche al 21o posto nel ranking, mentre Starace ha raggiunto la 27a posizione in classifica e ha disputato due finali consecutive al Challenger di Lugano, nel 2009 e nel 2010, entrambe perse contro Stan Wawrinka.

Condividi