Bullismo virtuale, dolore reale

Bullismo virtuale, dolore reale

venerdì 25/01/13 00:00 - ultimo aggiornamento: venerdì 18/08/17 17:03

Nel primo decennio del 2000, divenne esperienza della maggior parte dei giovani della Svizzera italiana l’esperienza di una vita online esperita non più solo al computer, bensì anche in qualunque altro momento della giornata grazie alla telefonia mobile. L’accesso al social network divenne pressoché ininterrotto, facendo della vita sullo schermo parte integrante della vita stessa.

Anche nella Svizzera italiana divennero molto frequenti casi di cyberbullismo. A livello nazionale un giovane su cinque aveva già sperimentato atti di bullismo in rete, mentre al Sud delle Alpi il 17% dei ragazzi di Scuola Media ha avuto esperienze di minacce o scherzi in rete.

In questo servizio di Alain Melchionda andato in onda il 25 gennaio 2013 nella trasmissione «Il Quotidiano» parlano lo psicologo e psicoterapeuta Pierre Kahn, il Magistrato dei minorenni Reto Medici, e la giovane Amanda Todd.