Le donazioni d'organi sono nuovamente aumentate lo scorso anno in Svizzera, con 158 prelievi da persone decedute (erano 145 nel 2017), confermando la tendenza al rialzo in atto da un decennio con la sola eccezione del 2016. Sono 440 (cifra invariata) i pazienti che hanno potuto così beneficiare di un trapianto. Il tasso di donatori è passato dai 13,7 per milione di abitanti del 2013 a 18,6, secondo i dati resi noti giovedì dall'Ufficio federale della sanità pubblica. Non è tuttavia raggiunto l'obiettivo fissato dalla Confederazione, che era di 20. In lista d'attesa per ricevere un organo restano 1'412 persone (1'478 un anno prima).

Nuovo, clamoroso capitolo nell’inchiesta sull’omicidio di Angelo Falconi, ucciso nell’autorimessa di via Valdani, a Chiasso, il 27 novembre 2015. La procuratrice pubblica Marisa Alfier ha infatti trasmesso alle parti l’attesa "superperizia", commissionata per stabilire se sul corpo della vittima ci siano o no ferite inferte con un’arma da taglio. Il medico legale sostiene che, oltre alla spranga brandita da Pasquale Ignorato, sarebbe stato usato un coltello. Coltello che (questa è l’ipotesi accusatoria) impugnava il figlio Mirko. E secondo la superperizia, per uccidere Falconi fu usato anche un oggetto tagliente che avrebbe causato due ferite.

Due cittadini svizzeri, un 31enne e una 22enne, sono morti in un incidente balneare mentre trascorrevano le vacanze in un parco nazionale colombiano. La data del decesso non è nota, la notizia è stata pubblicata dal portale di 20 Minuten e confermata dal Dipartimento federale degli affari esteri, che sta assistendo i parenti delle vittime.

Una nuova carovana di migranti provenienti dall'Honduras ha ripreso mercoledì la sua lunga marcia verso gli Stati Uniti. Centinaia di persone hanno attraversato la frontiera nord del paese e sono entrati in Guatemala dove un cordone di polizia li aveva fermati. Il gruppo, al quale si sono aggiunti 200 salvadoregni, si è formato dopo un appello lanciato sui social network. Le autorità guatemalteche hanno rifiutato di consentire il passaggio ad alcuni minori poiché sprovvisti di documenti in regola. “Chi supera i controlli potrà proseguire il suo viaggio, mentre gli altri dovranno tonarsene a casa” ha dichiarato il portavoce dell’Istituto nazionale delle migrazioni.

Un guasto a un velivolo è all'origine dei collegamenti cancellati all'aeroporto di Lugano-Agno da e per Zurigo. Il problema si è presentato già mercoledì sera, con il mezzo a terra. Come ha confermato una collaboratrice dello scalo ai microfoni della RSI, il personale è all'opera per ottenere un componente sostitutivo e riparare così l'aereo in tempo per il volo di metà pomeriggio di giovedì. Le prime due partenze del mattino sono infatti state soppresse.

Saranno necessari svariati milioni di franchi per ricostruire l'autorimessa che ospita i bus di AutoPostale nel centro di Coira, andata completamente distrutta, insieme a più di una ventina di veicoli, a causa dell'incendio divampato verso le 20.45 di mercoledì sera. Finora si parla solo di un ferito leggero. Le fiamme, alimentate da un forte vento, sono state domate solo a tarda notte in seguito all'intervento in forze dei pompieri della regione. Poteva finire peggio. Nello stesso stabile, infatti, si trova una pompa di benzina, isolata dai pompieri prima che prendesse fuoco con conseguenze imprevedibili.

La Geberit, azienda con sede a Rapperswil-Jona specializzata nelle tecniche sanitarie, ha aumentato del 5,9% le sue vendite nel 2018, superando la soglia dei 3 miliardi di franchi malgrado un terzo trimestre non entusiasmante. Senza gli effetti positivi legati ai cambi monetari, la crescita sarebbe stata del 3,1%, si legge in un comunicato diffuso mercoledì. Le prime cifre (quelle di dettaglio, relative in particolare all'utile, saranno conosciute il 12 marzo) si situano al livello delle previsioni più ottimistiche formulate dagli analisti.

Gli agenti federali statunitensi hanno arrestato un presunto jihadista 21enne in Georgia. "Il suo presunto intento era quello di attaccare la Casa Bianca e altri obiettivi nell'area di Washington, indicando di voler colpire il Washington Monument, il Lincoln Memorial e una particolare sinagoga", ha affermato il procuratore BJ Park davanti al giudice dove il giovane, a quanto pare radicalizzato di recente, è comparso brevemente dopo l'arresto. Secondo l'FBI nel mirino del 21enne c'era anche la Statua della Libertà; nelle intenzioni del giovane gli attacchi sarebbero stati condotti con esplosivi e con razzi anticarro.

Alcune persone sono rimaste leggermente intossicate in seguito all'incendio divampato mercoledì sera in un appartamento situato all'ultimo piano di un palazzo di Corso San Gottardo a Chiasso. In considerazione del denso fumo sprigionatosi, dallo stabile sono stati fatti allontanare gli inquilini.

Il Parlamento greco, riunito mercoledì sera, ha rinnovato la fiducia ad Alexis Tsipras, fiducia che il primo ministro aveva chiesto dopo la spaccatura prodottasi nella maggioranza in seguito all'avvallo dato dall'Esecutivo all'accordo concernente il nome ufficiale della Macedonia. Il premier ha ottenuto il sostegno di 151 deputati, oltre a quelli del suo partito, il sinistrorso Syriza, anche gli indipendenti. Il voto è stato espresso al termine di due giorni di acceso dibattito, ricalcando quanto già successo nel Legislativo di Skopje, pure profondamente diviso sulla delicata questione.

Una rimessa di Autopostale, situata nei pressi dell'Oberalpstrasse, è stata distrutta dalle fiamme mercoledì sera a Coira. Il rogo sarebbe iniziato attorno alle 21. Un testimone, stando a quanto riferito dal sito internet del quotidiano Blick, afferma d'aver udito il rumore di esplosioni provenire dall'interno del deposito.

Il Governo britannico, com'era nelle previsioni, ha superato mercoledì sera la mozione di sfiducia presentata dall'opposizione laburista subito dopo la bocciatura da parte della Camera dei comuni del progetto di accordo per il divorzio dall'Unione Europea. Si sono pronunciati contro 325 deputati, mentre la censura è stata votata da 306 colleghi. Subito dopo la risicata vittoria, la premier Theresa May ha annunciato l'intenzione d'incontrare i vertici dei partiti avversari. E' sua volontà rimettersi immediatamente al lavoro alla ricerca di una soluzione concernente i rapporti con Bruxelles.

Il graffito apparso giovedì su una facciata del Photobastei, uno spazio per l'arte zurighese, non è stato realizzato da Banksy, il famosissimo, quanto anonimo, autore di murales, ma da un suo seguace, che nel frattempo ne ha rivendicato la paternità. Prudenzialmente, e in attesa di chiarimenti, l'opera era subito stata protetta con un pannello in plexiglas. Risolto il mistero, in realtà un gigantesco malinteso, come l'ha definito l'ideatore, la discussione s'è spostata sull'opportunità di continuare a salvaguardare il disegno. Al momento prevalgono i pareri favorevoli. Chissà mai che in futuro non venga riconosciuto come capolavoro?

Sono circa 200 i ragazzi che ogni anno in Ticino abbandonano il sistema formativo una volta terminata la scuola dell'obbligo. Per contrastare questo fenomeno si sta valutando la possibilità di instaurare l'obbligo di formazione fino ai 18 anni, con l'obiettivo, condiviso a livello nazionale, di arrivare ad avere almeno il 95% di giovani che entro i 25 anni hanno conseguito un titolo di studio secondario. La proporzione allo stato attuale in Ticino si ferma all'88% e per vederla crescere si punta sulla possibilità di effettuare atelier e stage in diverse professioni, come già avviene nel canton Ginevra.

A Como, dopo due anni di processo e 40 udienze, è giunta la sentenza di primo grado per la vicenda dei presunti abusi all'interno del comune legati al progetto delle paratie per difendere la città dalle esondazioni del lago. Sono state condannate sette persone, tra cui l'ex sindaco Mario Lucini (un anno e 6 mesi sospesi) per turbativa d'asta.

Uno scialpinista slovacco 27enne che era dato per disperso sui monti sopra Zuoz dalla mattina di domenica 13 gennaio è stato ritrovato senza vita mercoledì. Il giovane si era allontanato per fare una passeggiata con gli sci ma non aveva fatto ritorno. Le pessime condizioni meteo di domenica non avevano permesso di organizzare l’immediato soccorso, ma dal mattino seguente la REGA ha iniziato a perlustrare la zona, rinvenendo il corpo del turista sotto una slavina nel territorio della Val d’Es-cha, a 2'200 metri. Il forte pericolo di valanghe ha impedito di recuperare della salma subito dopo il ritrovamento, operazione riuscita questo pomeriggio.

L'assemblea straordinaria dei delegati della sezione ginevrina, che martedì sera ha comunque confermato la sua fiducia al discusso consigliere di Stato Pierre Maudet, evidenzia il fatto che l'uomo divide e nuoce al partito, scrive in una nota la direzione nazionale liberal-radicale. I vertici aggiungono che seguiranno da vicino la campagna della frazione cantonale in vista delle elezioni federali di ottobre. I cittadini -precisano- hanno capito che il comportamento del capo del Dipartimento della sicurezza e dell'economia (ancora per poco visto l'annunciato rimpasto) non riflette in alcun modo i valori difesi dalla formazione.

Il 10 febbraio i cittadini ticinesi voteranno su quattro modifiche della Costituzione cantonale incentrate sull'esercizio dei diritti politici, oltre che sull'iniziativa contro la dispersione degli insediamenti a livello federale. Il Consiglio di Stato sostiene il cambiamento sul voto dei ticinesi residenti all'estero, la possibilità di votare sulle varianti di una modifica costituzionale e la modifica sulle iniziative popolari generiche. Il Governo ticinese non prende invece posizione sull'allungamento dei tempi per la raccolta delle firme per iniziative popolari e referendum a livello cantonale.

"Temperature sopra la media stagionale" è una frase che è diventata abituale, in queste ultime settimane, nei bollettini di MeteoSvizzera. Ma, già nei prossimi giorni, sarà solo un ricordo in quanto da giovedì il mercurio inizierà a calare fino ad assestarsi attorno ai 4 °C di temperatura massima durante il weekend e lunedì. Si tratta di una situazione che non dovrebbe certo migliorare nei giorni successivi, considerato che per martedì si prevede "un po’ di neve possibile fino a basse quote", situazione destinata a ripetersi il giorno dopo con l'arrivo di "qualche debole nevicata". Il mercurio nei termometri rimarrà poi sotto la norma stagionale.

Il Consiglio federale ha fissato mercoledì le modalità concernenti la procedura di consultazione relativa al progetto d'accordo istituzionale con l'Unione Europea, procedura nel frattempo già avviata. A differenza dell'iter corrente, questa volta si punterà su incontri interattivi, che permetteranno alla delegazione governativa incaricata di dare spiegazioni e di rispondere alle domande delle cerchie coinvolte. I colloqui saranno condotti dal capo del Dipartimento degli affari esteri Cassis, da quello dell'economia Parmelin e dal presidente della Confederazione Maurer. L'Esecutivo farà il punto in primavera.

La pavoncella è stato designato uccello dell'anno 2019 da BirdLife Svizzera. La specie, una volta, viveva nei prati umidi, ma dopo la loro bonifica si è adattata ai campi coltivati ed è ora minacciata di estinzione, scrive l'associazione in una nota diramata mercoledì,nella quale denuncia che, nel 2018, sono state contate solo 206 coppie nidificanti nell'intera Confederazione. L'intensificazione dell'agricoltura, infatti, con i suoi molteplici passaggi di macchinari nei campi e l'utilizzo massiccio di pesticidi, ha condotto alla quasi totale scomparsa in Svizzera di questo uccello dal tipico, lungo ciuffo di piume sul capo.

Il Consiglio di Stato ticinese ha approvato l’istanza di aggregazione inoltrata dai Municipi di Bedano e Gravesano lo scorso novembre e ha istituito la Commissione di studio che dovrà elaborare il progetto di fusione, composta da tre rappresentanti di ciascuno dei due comuni.

La Svizzera ha una nuova segretaria di Stato per le questioni finanziarie internazionali. Nella sua seduta del 16 gennaio il Consiglio federale ha infatti nominato Daniela Stoffel, che succederà a al segretario di Stato Joerg Gasser a fine febbraio. Stoffel è attualmente ambasciatrice, capo dello Stato maggiore politico della Segreteria di Stato per le questioni finanziarie internazionali e consigliera diplomatica per il capo del Dipartimento federale delle finanze. Nata il 30 luglio 1968, Daniela Stoffel ha conseguito la laurea in filosofia, economia politica e germanistica all’Università di Zurigo nel 1992, per poi completare il dottorato nel 1996.

Lugano è risultata per tre anni consecutivi, dal 2015 al 2017, la città più sicura in Svizzera, secondo le statistiche nazionali. La polizia cittadina vuole però conoscere la percezione degli abitanti e ha lanciato il sondaggio LOSAI (Lugano, le opinioni sulla sicurezza degli abitanti, interviste). Il questionario sarà consegnato a 15'000 cittadini estratti a caso per ogni quartiere. Le 51 domande spaziano dai reati più frequentemente subiti dagli abitanti di Lugano al grado di soddisfazione rispetto al quartiere di residenza. I dati raccolti saranno analizzati da un team dell'Università di Losanna e presentati entro il mese di ottobre.

Il Tribunale federale ha confermato la condanna a 17 anni di carcere per omicidio, stupro e atti sessuali con bambini (i due figli) inflitta nel 2014 dalla giustizia friburghese a un cittadino friburghese, che aveva strangolato la moglie dopo averla violentata. Per l'uomo era stato deciso anche l'internamento ordinario.

Il Governo ticinese ha approvato una modifica alle normative cantonali su ordine pubblico e dissimulazione del volto in pubblico, allineandosi a quanto indicato dal Tribunale Federale nel settembre dello scorso anno. Il Consiglio di Stato ha completato l’elenco delle eccezioni contenuto nelle due leggi, attuando modifiche che permettono di fornire ai comuni una norma chiara, "più semplice da applicare nella realtà quotidiana" e non soggetta a equivoci. Sarà così possibile "coprirsi il volto durante manifestazioni politiche o per motivi commerciali o pubblicitari, quando non sono messi in pericolo l’ordine e la sicurezza pubblici".

E’ saltata la nomina dell'ex top manager di UBS Andrea Orcel alla guida della banca spagnola Santander. L'istituto, che lo scorso settembre aveva annunciato l'ingresso dell'ex numero uno dell'investment banking di UBS, ha comunicato martedì che "non procederà con la nomina". Il motivo è legato al fatto che il 55enne dirigente italiano costa troppo. A portare all'inattesa rottura "il costo davvero significativo" che la banca avrebbe dovuto pagare "per assumere un singolo individuo, anche se di talento, compensando la perdita di una significativa porzione della sua remunerazione dei precedenti sette anni", ha detto la presidente di Santander Ana Botin.

L'andamento degli affari in Ticino lo scorso anno è stato positivo e anche gli investimenti hanno raggiunto dei buoni livelli, secondo i risultati dell'inchiesta congiunturale 2018-2019 della Camera di commercio ticinese. Il 73% delle 233 imprese che hanno partecipato allo studio hanno dato una valutazione positiva del 2018, con dati leggermente inferiori nel campo industriale, in particolare quello legato alle esportazioni, in seguito ai conflitti commerciali internazionali, le incognite legate ai rapporti con l'UE e la delicata situazione di alcuni paesi dell'Unione. Guardando al 2019, quasi 3 aziende su 4 si attendono un'evoluzione positiva.

Il Consiglio federale, nella sua prima seduta nella nuova composizione con Viola Amherd e Karin Keller-Sutter al posto di Doris Leuthard e Johann Schneider-Ammann, ha deciso mercoledì di sottoporre due oggetti alla votazione popolare del 19 maggio 2019, a condizione che i referendum annunciati riescano formalmente. Il termine di referendum scade il 17 gennaio 2019. I due oggetti riguardano, rispettivamente la legge federale del 28 settembre 2018 sulla riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS e il decreto federale del 28 settembre 2018 che approva e traspone nel diritto svizzero la direttiva dell'UE sulle armi.

Reng Zhengfei, il fondatore di Huawei, per la terza volta nella sua vita ha parlato con i media, proprio nel bel mezzo del caso diplomatico, politico e giudiziario che riguarda le relazioni tra Cina, Stati Uniti e Canada. Zhengfei, che è anche padre di Meng Wanzhou, la direttrice arrestata in Canada su richiesta degli Stati Uniti, ha detto che la sua impresa non ha mai ricevuto richieste da nessun governo per fornire informazioni improprie. Il 74enne ha anche affermato che ama sia la Cina sia il partito comunista, ma che la politica e gli affari devono restare ben distinti. Ha pure spiegato di ispirarsi a Steve Jobs e di apprezzare Trump.

"Ci rammarichiamo profondamente per il voto" di ieri nella Camera dei Comuni”, ha da parte sua dichiarato il capo negoziatore dell’UE per la Brexit, Michel Barnier, intervenendo oggi, mercoledì, nel dibattito in aula a Strasburgo. "Questo voto non è la manifestazione di una maggioranza positiva per un accordo alternativo a quello sul tavolo -ha aggiunto-. Spetta alle autorità britanniche fornire una valutazione di questo voto, e al Governo indicare come procedere verso un'uscita ordinata il 29 marzo". L’accordo raggiunto con Londra, ha ribadito Barnier, "è buono: il miglior compromesso possibile".

"Il Governo britannico di Theresa May non ha per il momento in programma di chiedere all’Unione Europea (UE) un rinvio dei termini per l’uscita del Regno Unito rispetto alla scadenza del 29 marzo, malgrado la sconfitta di martedì ai Comuni". Lo dichiarato oggi, mercoledì, alla BBC Radio 4 la ministra per i rapporti con il Parlamento Andrea Leadsom. Leadsom ha invece confermato che la premier prevede, se in serata si salverà dal voto di sfiducia, di incontrare esponenti dell’opposizione per creare una piattaforma d’accordo condivisa, ma al momento non con il leader laburista Jeremy Corbyn.

Panalpina, gruppo basilese attivo nei trasporti e nella logistica, è nel mirino della sua concorrente danese DSV: la società ha ricevuto un'offerta di acquisto non sollecitata e non ancora impegnativa. L'operazione potrebbe valere circa 4 miliardi di franchi. Concretamente DSV -che è presente in Svizzera con uffici anche a Balerna- offre 170 franchi per ogni titolo Panalpina, che in borsa ne valeva 137 alla chiusura di martedì. Mercoledì nella prima ora di contrattazione l'azione Panalpina è tuttavia schizzata verso l'alto, guadagnando circa il 30% a 176 franchi. Il consiglio di amministrazione valuterà la proposta con i suoi consulenti.

"Mi sento rinforzato dal sostegno della base". Sono le parole di Pierre Maudet, il quale si è visto rinnovare martedì sera la fiducia da parte dei delegati del PLR ginevrino, nonostante il consigliere di Stato sia da mesi nell’occhio del ciclone per un controverso viaggio pagato ad Abu Dhabi. "Il partito è diviso -ha aggiunto ai microfoni della RTS- ma una parte dei voti è stata diretta contro la decisione del comitato direttivo", che gli aveva chiesto di dimettersi. "La decisione di non dimettermi non è una questione di attaccamento ma difesa dei principi", ha aggiunto. "Basta attacchi contro le persone: torniamo a discutere di idee".

Migliora ancora la situazione sul fronte della neve. La strada fra Hospental e Realp, nel canton Uri, è stata riaperta al traffico dalle 8.00 di mercoledì mattina dopo tre giorni di chiusura dovuta a una valanga che aveva investito un tratto di 250 metri e quattro vetture, senza causare feriti. Il villaggio di Realp è quindi rimasto isolato per quasi 70 ore. Con la riapertura della carreggiata, può riprendere anche il carico delle auto sui treni della linea del Furka. Il pericolo di valanghe è sceso al grado 3 su 5, ma impedisce invece ancora ai convogli di circolare fra Andermatt e Tschamut-Selva, nei Grigioni. Non ci sono trasporti sostitutivi

Le forze di sicurezza kenyane hanno messo fine mercoledì mattina all’attacco terroristico –rivendicato dal gruppo estremista somalo al Shabaab– iniziato martedì nel complesso che ospita fra gli altri l'hotel della catena thailandese Dusit e diversi ristoranti. Lo ha annunciato il presidente del paese africano Uhuru Kenyatta in conferenza stampa, assicurando pure che "tutti i terroristi sono stati eliminati". I terroristi uccisi dopo 20 ore di scontri sono cinque, ha precisato il capo della polizia Joseph Boinnet, mentre il bilancio provvisorio parla di 21 morti confermati e diversi feriti. Più di 700 persone sono state inoltre sfollate dalla zona.

Nelle scorse settimane sono stati raccolti 58'399 pacchi postali e 1’888 pacchi donati online nell'ambito della campagna di solidarietà "Due volte Natale”, 10'000 in più dello scorso anno. Lo indicano mercoledì in una nota gli organizzatori dell'azione, Croce Rossa Svizzera, SSR, La Posta e Coop. Gli articoli verranno consegnati alle associazioni cantonali della Croce Rossa a partire dalla fine di gennaio e verranno poi distribuiti a istituzioni sociali o a persone e famiglie bisognose in Svizzera e nell'Europa orientale. I pacchi acquistati online da donatori serviranno invece a sostenere progetti invernali realizzati in Bosnia-Erzegovina, Kirghizistan e Moldavia.

La senatrice democratica di New York Kirsten Gillibran ha annunciato martedì che correrà per la presidenza nel 2020. "Correrò per la presidenza degli Stati Uniti perché come madre combatterò per i figli degli altri come se combattessi per i miei", ha spiegato la 52enne, che comincerà la sua campagna già nei prossimi giorni in Iowa.

Si sono uditi ancora spari attorno al complesso che ospita fra gli altri l'hotel della catena thailandese Dusit e diversi ristoranti, preso d'assalto martedì da un gruppo di uomini armati. Alcuni di essi potrebbero essere ancora asserragliati ai piani superiori, dove potrebbero esserci anche civili barricati in stanze o uffici. Questo a dispetto dell'annuncio del ministro dell'interno, secondo il quale "le operazioni sono concluse". Il bilancio dell'attacco, intanto, si aggrava: mancano cifre ufficiali, ma i morti sarebbero almeno una quindicina, fra cui anche alcuni stranieri. Tra di essi, confermata la presenza di almeno uno statunitense e un britannico.

La sezione locale del Partito liberal-radicale ha rinnovato la fiducia al consigliere di Stato ginevrino Pierre Maudet, sotto pressione a causa di certe regalie ottenute. A favore del capo del Dipartimento della sicurezza e dell'economia hanno votato 341 delegati, mentre 312 sono stati i pareri sfavorevoli e 56 le astensioni. L'esito dell'assemblea straordinaria non è stato gradito dal presidente della sezione Alexandre de Senarclens, il quale ha confermato di voler rassegnare le dimissioni. "Non intendo difendere un membro del Governo nel quale non credo più", ha dichiarato ai rappresentanti della stampa.

Jean-Claude Junker ha preso atto "con rammarico" della scelta della Camera dei comuni, sottolineando però che da parte dei Ventisette il processo di ratifica dell'intesa di recesso prosegue. Constatando che il rischio di un'uscita disordinata è aumentato, il presidente della Commissione europea ha chiesto a Londra di chiarire le sue intenzioni "il prima possibile". Donald Tusk ha invitato le autorità d'Oltremanica a ripensare l'intero processo. "Se un accordo è impossibile e nessuno vuole che l'accordo non ci sia, allora chi avrà alla fine il coraggio di dire qual è l'unica soluzione positiva?", s'è chiesto retoricamente il presidente del Consiglio comunitario.

Subito dopo la bocciatura dell'intesa, Jeremy Corbyn ha presentato una mozione di sfiducia all'Esecutivo. Il numero uno dell'opposizione laburista ha parlato di rovescio devastante e ha accusato Theresa May d'aver anteposto gli interessi del partito conservatore a quelli del paese. La prima ministra, dal canto suo, non ha avuto difficoltà ad ammettere che la disfatta è stata netta, ma ha anche osservato che sul tavolo non sono comparse altre varianti. Ha poi aggiunto che, se dovesse essere riconfermata nell'incarico, continuerebbe a lavorare per trovare una soluzione soddisfacente. Per ora, dunque, nessuna dimissione.

I deputati britannici, riuniti martedì, hanno respinto l’accordo di divorzio concluso con l’Unione Europea dalla premier Theresa May con un voto che rende il futuro del Regno Unito ancora più incerto di quanto già non fosse. La ratifica è stata negata con uno scarto di 230 schede (432 i "no", 202 i "sì"), una sconfitta molto pesante per il Governo. A questo punto possono essere prese in considerazione diverse opzioni, tra cui il rinvio della separazione, che da programma dovrebbe essere effettiva dal 29 marzo, seppure con un periodo di transizione che giungerebbe a scadenza il 31 dicembre 2020, la rottura brutale, ma anche la rinuncia.

Una sciatrice svedese di 20 anni è morta nel primo pomeriggio di martedì a causa di una slavina, che l’ha travolta nei dintorni di Haute-Nendaz. La giovane faceva parte di un gruppo, che praticava lo sci fuori pista malgrado fosse in vigore un’allerta valanghe di grado 3 su 5. Lo ha segnalato la polizia cantonale vallesana.

L'accordo istituzionale tra la Svizzera e l'Unione Europea non divide solo i politici, ma anche gli esperti. La diversità delle opinioni sulla questione dei professori di diritto e relazioni internazionali delle Università di Zurigo, Basilea, San Gallo e Friburgo è emersa martedì nel corso dell’audizione di fronte alla commissione di politica estera del Consiglio nazionale che ha tenuto una seduta pubblica diffusa anche in diretta web. Mercoledì il Consiglio federale darà ufficialmente via alla consultazione che si concluderà entro fine primavera. Il testo dell'accordo sarà diffuso anche in tedesco e italiano, accompagnato da una presa di posizione.

Proseguono le discussioni sull'applicazione del salario minimo in Ticino, ma le posizioni restano distanti. La sottocommissione lavoro, alla ricerca della soluzione più condivisa possibile, deve fare i conti con la posizione del PLR, che resta a favore della proposta del Consiglio di Stato, con una forchetta di salario minimo tra i 19 e i 19,50 franchi orari, sulla quale si è opposto il PS, che non vuole scendere sotto i 20 franchi all'ora. Sul tavolo vi sono due nuove proposte, una avanzata dal PPD per un meccanismo che compensi il maggior costo della vita dei lavoratori che vivono in Ticino, mentre un'altra prevede dei bonus per le aziende che assumono residenti.

Un controprogetto al testo dell'iniziativa "Giù le mani dalle Officine" è stato presentato martedì in Commissione della gestione dal Partito Socialista. Lo scopo della proposta consiste nel dare una seconda opportunità (qualora, com'è probabile, l'iniziativa sia respinta dalla maggioranza del Parlamento) ad alcuni aspetti positivi del testo che anni addietro aveva raccolto oltre 15’000 firme. In particolare, tra i temi conservati figura il mantenimento in Ticino di quelle attività che non sono previste nel progetto di nuove officine previsto a Castione, come la manutenzione del materiale rotabile destinato al traffico merci.

Sono arrivate le sanzioni per la rissa avvenuta lo scorso 4 novembre al termine della sfida di quinta lega tra la squadra bellinzonese del Codeborgo e la locarnese Makedonija. Un giocatore del Codeborgo, che era finito all'ospedale e aveva minacciato denuncia penale, è stato identificato dalla Federazione ticinese di calcio come istigatore della zuffa ed è quindi stato squalificato per 15 giornate e condannato a una multa di varie centinaia di franchi. Anche un giocatore del Makedonija è stato sanzionato dalla Federazione, con quattro giornate di squalifica e una multa, per aver colpito l'avversario dopo essere stato provocato.

Una situazione preoccupante, con salari reali stagnanti e rendite medie del secondo pilastro diminuite dal 2005 a oggi. L'allarme lo ha lanciato martedì a Berna l'Unione sindacale svizzera (USS). In Svizzera, le persone più colpite dal calo dei salari reali sono i lavoratori a lungo termine, impiegati nelle aziende, con 20 o più anni di servizio, ha sottolineato l'USS, chiedendo che i salari siano aumentati. Per quanto riguarda le pensioni, la situazione "sta peggiorando". Una recente indagine USS su 42 fondi pensione indica che il tasso di conversione scenderà dal 5,8% al 5,6% nel 2019. Nel 2013 si attestava al 6,4%.

Nei prossimi tre anni Facebook investirà 300 milioni di dollari (circa altrettanto in franchi) in programmi giornalistici. Parte dei fondi andrà direttamente a organizzazioni senza scopo di lucro come il Pulitzer Center (5 milioni), Report for America (2) e altri. L'attenzione di Menlo Park è però diretta soprattutto all'informazione locale statunitense che è particolarmente colpita dalla rivoluzione digitale. "Abbiamo anche l'opportunità e la responsabilità di aiutare i media locali a crescere e a avere successo", ha detto la vicepresidente della società di Mark Zuckerberg, Campbell Brown, già giornalista della NBC e della CNN.

La beata svizzera Marguerite Bays, suora laica del Terzo Ordine di San Francesco d'Assisi, diventerà santa su autorizzazione di Papa Francesco. Nata l'8 settembre del 1815 a La Pierraz, frazione di Siviriez, vicino Friburgo, in una famiglia di umili origini, si adoperò lungo tutta la sua operosa vita, per aiutare il prossimo. L'evento che la cambiò radicalmente fu il dono delle stimmate. Guarì anche, miracolosamente, da un cancro all'intestino l'8 dicembre 1854, proprio mentre Pio IX proclamava il dogma dell'Immacolata. Morta nel suo comune d'origine il 27 giugno 1879, è stata beatificata nel 1995 con due religiose elvetiche, Maria Teresa Scherer e Maria Bernarda Butler.

Un commando dell'organizzazione terroristica Boko Haram ha attaccato lunedì una base militare nello Stato di Borno, nel nord-est della Nigeria. Tre soldati e quattro civili sono stati uccisi, mentre gli altri sono fuggiti, lasciando campo libero agli estremisti, che si sono così impossessati di armi e veicoli.

Una valanga ha travolto tre persone martedì poco dopo mezzogiorno mentre sciavano fuori pista in località Crappawald, nel comprensorio sciistico del Flumserberg. Due uomini sono rimasti illesi mentre una giovane donna, leggermente ferita, è stata ricoverata in ospedale dalla REGA, ha reso noto la polizia cantonale sangallese.

I vertici della Ferrovia Monte Generoso SA hanno incontrato martedì una rappresentanza del sindacato OCST per parlare dei nove licenziamenti (sette dipendenti e due contratti a tempo determinato) decisi dalla direzione. Le persone hanno perso il lavoro per motivi di competenze di cui non sarebbero in possesso e che per la dirigenza della struttura sono invece basilari. Il meeting è durato circa due ore, al termine del quale si è deciso di redigere una dichiarazione condivisa e organizzare un secondo appuntamento giovedì 17. La direzione intanto non ha fatto passi indietro sulle motivazioni del licenziamento, ma è possibilista su misure di accompagnamento.

E' di almeno 7 morti e una trentina di feriti il bilancio di un'esplosione, verosimilmente provocata da un kamikaze, verificatisi a Nairobi in un complesso che ospita uffici e un albergo. L'attacco è probabilmente da imputare a terroristi che già in passato hanno preso di mira la città. Il commando, formato da quattro o più uomini, sarebbe nel frattempo stato neutralizzato. Il gruppo estremista somalo al Shabaab ha rivendicato l'azione con un messaggio ritenuto credibile, poiché una delle pretese dei fondamentalisti attivi in Somalia è che il Kenya ritiri le truppe inviate nel tentativo di debellarli. Nella notte si è appreso che tra le vittime figura anche un americano.

L'attesa sentenza del Tribunale federale sul pagamento dei salari in euro ai lavoratori frontalieri non ha fatto chiarezza sulla fattispecie. I giudici di Mon Repos hanno accolto i ricorsi delle imprese Marquardt Verwaltungs-GmbH e vonRoll production SA contro le sentenze cantonali che le condannava poiché dal 2012 avevano versato salari non in franchi, ma non sono entrati nel merito della questione. La maggioranza della Corte ha ritenuto che gli impiegati hanno commesso un abuso di diritto tentando di ottenere un rimborso a anni di distanza. Pertanto non è stato esaminato l'eventuale mancato rispetto dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone.

Il Ministero pubblico ha comunicato martedì che in merito alla morte della 24enne eritrea avvenuta il 3 luglio 2017 in Via San Gottardo a Bellinzona, si è provveduto ad aver informato le parti coinvolte sull’imminente chiusura della fase istruttoria penale. Il procuratore pubblico Moreno Capella ha promosso l’accusa nei confronti di un cittadino eritreo 37enne con le ipotesi di reato quali assassinio tentato e consumato, omicidio intenzionale (pure tentato e consumato), lesioni semplici, esposizione a pericolo della vita altrui, minacce e coazione. L'uomo è accusato di aver ammazzato la moglie buttandola dal balcone del loro appartamento.

La Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) incaricata di vagliare l'operato del Consiglio di Stato ticinese e dell'amministrazione nella gestione del settore dell'asilo, ha inoltrato una denuncia penale contro ignoti in seguito alla diffusione di contenuti del suo rapporto finale. Secondo quanto pubblicato domenica da Il Caffé, la CPI ritiene che l'intero Governo ticinese ha delle responsabilità nel caso Argo 1. Il normale iter prevedeva che le persone coinvolte potessero inoltrare eventuali osservazioni entro giovedì e il testo sarebbe dovuto entro venerdì al Consiglio di Stato e all'Ufficio presidenziale del Gran Consiglio.

Laurent Gbagbo è stato prosciolto martedì da tutte le accuse di crimini contro l'umanità dai giudici della Corte penale internazionale dell'Aia, che hanno ordinato la scarcerazione dell'ex presidente della Costa d'Avorio. Con lui sul banco degli imputati sedeva anche l'ex ministro della gioventù Charles Blé Goudé, già alla testa del movimento dei Giovani patrioti. I due dovevano rispondere di una serie di crimini contro l'umanità (omicidi, stupri, persecuzioni) durante le violenze che avevano fatto seguito al rifiuto di lasciare il potere all'attuale presidente Alassane Ouattara da parte di Laurent Gbagdo. Per la Corte l'accusa non ha prodotto prove sufficienti.

La capacità di reinventarsi tramite una sapiente salvaguardia del patrimonio industriale, unita a una pianificazione all'insegna della qualità e del dialogo è valsa a Langenthal il Premio Wakker. L'attribuzione del riconoscimento 2019 è stata annunciata dall'Heimatschutz martedì. Nel corso di una conferenza stampa è stato sottolineato come la città della regione bernese dell'Alta Argovia sia riuscita a gestire sapientemente la non facile fase apertasi con il fallimento della fabbrica di porcellana negli anni Novanta . E ciò ponendo l'accento su una visione avveniristica "anche per quanto concerne la densificazione edilizia nei quartieri più significativi".

A distanza di 9 anni Marco Maurer tornerà a giocare con il Servette. Il 30enne, ex difensore del Lugano e attualmente in forza al Bienne, ha firmato per i ginevrini a partire dal prossimo campionato fino al 2021.

C'è tanta tristezza ma altrettanta frustrazione per Stan Wawrinka dopo l'eliminazione nei 1/32 agli Australian Open: "E' dura perdere per pochi punti un match di quattro ore", ha ammesso. "Mi sono lasciato sfuggire alcuni game che mi avrebbero permesso di girare l'incontro", ha sottolineato il vodese. "Raonic è stato molto solido, anche se verso la fine sentivo che era stanco". Lo sguardo del 33enne sul proprio futuro rimane comunque positivo: "La stagione è ancora lunga e dovrò avere molta pazienza, poi i risultati arriveranno. Ho tanta voglia di giocare bene e vincere qualche trofeo".

James Harden continua a macinare numeri da capogiro, nonostante nella notte i suoi Houston Rockets siano stati sconfitti all'overtime da Brooklyn 142-145. Complici anche le assenze dei suoi "aiutanti", incluso il rossocrociato Clint Capela, out oltre un mese per una lesione al pollice della mano destra, il Barba ha messo a segno ben 58 punti contro i Nets, due giorni dopo averne rifilati 57 a New Orleans. La striscia di partite consecutive del 29enne oltre quota 30 sale dunque a 18. Successo invece per gli Utah Jazz di Thabo Sefolosha, pure infortunato, vittoriosi sui Clippers 129-109.

-Il Losanna dovrà fare a meno della propria ala Tim Traber nella sfida di venerdì contro l'Ambrì. Il quasi 26enne è stato infatti sospeso automaticamente (e multato per 1'500 franchi) per aver rimediato, martedì contro il Langnau, la sua seconda penalità di partita stagionale. Lo svizzero-canadaese era venuto alle mani con Claudio Cadonau, pure punito con 20'. -A partire dalla prossima stagione il Ginevra ritroverà Marco Maurer, già con i granata nel 2009-10. Il 30enne difensore, che ha firmato per due campionati, è in forza al Bienne dal 2015, anno in cui aveva lasciato Lugano dopo una stagione e mezza.

Finisce al secondo turno la strada di Stan Wawrinka (ATP 59) a questo Australian Open. Il vodese, trionfatore a Melbourne cinque anni fa, è stato eliminato da Milos Raonic (17) dopo oltre quattro ore e dopo quattro tie-break con il punteggio di 6-7 (4/7) 7-6 (8/6) 7-6 (13/11) 7-6 (7/5). Quella tra l'elvetico e il canadese è stata una vera e propria battaglia di nervi in cui ha influito l'efficacia del servizio dei due contendenti. I due giocatori sono anche stati bravi a sfruttare ogni calo di tensione dell'avversario e, così, l'esito finale è stato deciso da singoli episodi.

Gli Australian Open perdono una terza delle prime dieci teste di serie: dopo l'eliminazione di Anderson e Isner tocca ora a Dominic Thiem (ATP 8) salutare Melbourne dopo il forfait al 2o turno. Opposto alla wild card australiana Alexei Popyrin (149) l'austriaco, non in perfetta forma fisica, ha rinunciato quando era comunque sotto 7-5 6-4 2-0. Ha rischiato di uscire anche Kei Nishikori (9) contro il sorprendente Ivo Karlovic (73). Il gigante croato, che compirà 40 anni il prossimo 28 febbraio, ha infatti trascinato al quinto set il giapponese, cedendo solo dopo quasi quattro ore al super tie-break.

Sullo slancio del colpaccio contro la numero 10 al mondo Daria Kasatkina, Timea Bacsinszky (WTA 145) è andata a staccare anche il biglietto per i 1/16 degli Australian Open. La vodese, opposta alla qualificata russa Natalia Vikhlyantseva (134), ha proposto una buonissima prestazione chiudendo sul 6-2 7-5 in poco più di un'ora e mezza di gioco, nonostante l'interruzione per pioggia proprio mentre stava per servire peril match. La prossima avversaria della rossocrociata sarà ora la vincente della sfida tra la britannica Johanna Konta (38) e la spagnola Garbiñe Muguruza (18).

Dopo il terzo posto del giorno prima, Peter Sagan è stavolta riuscito ad imporsi al Tour Down Under. Lo slovacco ha infatti conquistato in volata la terza tappa della prova australiana (146,2km tra Lobethal e Uraidla), lasciandosi alle proprie spalle lo spagnolo Luis León Sánchez e il sudafricano Daryl Impey. La maglia di leader resta sulle spalle del neozelandese Patrick Bevin, quinto al traguardo.

-Il Monaco si è qualificato per la finale della Champions League. I tedeschi nella partita di ritorno delle semifinali si sono imposti per 3-1 sul Salisburgo, dopo aver pareggiato (0-0) all'andata. Il game-winning goal è stato segnato da Seidenberg già alla fine del 1o tempo, la rete della sicurezza è giunta a 10' dalla termine ad opera di Hager. All'ultimo atto, il 5 febbraio, i bavaresi se la vedranno con gli svedesi del Froelunda a Goeteborg.

Grande sorpresa negli ottavi di finale di Copa del Rey. L'Atletico Madrid è stato eliminato dal Girona. La formazione di Simeone ha pareggiato 3-3 al Wanda Metropolitano ed è stata estromessa dalla competizione, visto l'1-1 nella gara d'andata.

Nella Coppa CEV vittoria dell'Amriswil per 3-1 sul Mladost Brcko/BIH nella partita di ritorno degli ottavi (3-0 all'andata). Il club svizzero si qualifica per i quarti (29-31 gennaio e 12-14 febbraio), dove affronterà il Trentino.

-Nella partita della 17a giornata tra Monaco e Nizza (finita 1-1), il portiere svizzero Diego Benaglio al 77' ha parato un rigore tirato da Saint-Maximin (autore dello 0-1) e ha salvato il pareggio. I francesi erano con un uomo in meno dal 45'.

Il Grasshopper ha preso in prestito fino al termine della stagione, con ulteriore opzione per quattro anni, l'attaccante maliano Aly Mallé. Proveniente dall'Udinese, il 20enne ha giocato la scorsa stagione col Lorca, squadra della seconda divisione spagnola, con cui ha disputato 12 partite mettendo a segno una rete.

Volley: nella Coppa CEV vittoria dell'Amriswil per 3-1 sul Mladost Brcko/BIH nella partita di ritorno degli ottavi (3-0 all'andata). Il club svizzero si qualifica per i quarti (29-31 gennaio e 12-14 febbraio), dove affronterà il Trentino.

La Juventus ha vinto la 31a Supercoppa italiana, partita svoltasi a Gedda davanti a 62'000 spettatori: ha battuto per 1-0 il Milan. Ora nell'albo d'oro i bianconeri sono a 8 vittorie, contro le 7 dei rossoneri. Ha deciso la sfida al 61' Ronaldo, che ha segnato di testa e sul filo del fuorigioco. In apertura di 2o tempo Cutrone aveva sfiorato il vantaggio colpendo la traversa. Dal 79' gli uomini di Gattuso hanno dovuto giocare in 10 per il cartellino rosso mostrato (dopo consultazione del VAR) a Kessié, autore di un fallo su Can (pestone ad una caviglia).

-L'HC Biasca Ticino Rockets ha comunicato che la partita di Swiss League contro il Kloten si svolgerà domenica 27 gennaio alle 16h00 alla Cornèr Arena di Lugano. L'entrata sarà gratuita per i detentori di un abbonamento stagionale ad una delle tre ticinesi.

La sfida di Swiss League in programma il 27 gennaio alle ore 16h00 tra Ticino Rockets e Kloten si disputerà alla Cornèr Arena di Lugano. Per il terzo anno di fila dunque il club rivierasco sarà ospite dell'HCL. L'entrata sarà gratuita per i possessori di una tessera di Lugano, Ambrì o degli stessi Rockets.

-Il GC ha preso in prestito dall'Udinese, fino al termine della stagione, il 20enne attaccante maliano Aly Mallé. Le Cavallette dispongono di un'opzione d'acquisto per altri 4 anni. La scorsa stagione i friulani lo avevano girato al Lorca, squadra della 2a divisione spagnola che lo ha schierato in 12 partite (una rete). -Nello staff della Under 21 di Mauro Lustrinelli entra un altro ticinese: il 52enne Jean-Pierre Gerosa, ex collaboratore di Giovanni Trapattoni quando dirigeva il Salisburgo e l'Eire, è il nuovo osservatore dei giocatori e degli avversari. L'ex bianconero Enrico Schirinzi sarà analista video.

-Dario Trutmann, da quattro stagioni a Losanna, giocherà a partire dal prossimo campionato nello Zurigo. Il difensore 26enne ha firmato un contratto biennale. In carriera ha indossato anche le maglie di Bienne e Ginevra, per un totale di 325 incontri in National League (16 gol e 45 assist).

Beat Feuz sembra decisamente intenzionato a confermarsi sul Lauberhorn. Già due volte vincitore della discesa (l'ultima proprio un anno fa), il 31enne bernese ha staccato tutti, facendo segnare il miglior tempo nel 1o allenamento in vista della libera di sabato. Secondo, a 1"16, si è piazzato un altro svizzero, Mauro Caviezel, che ha preceduto calibri da novanta come Matthias Mayer (+1"27), Vincent Kriechmayr (+1"41), Aksel Lund Svindal (+1"62, poi squalifcato) e Hannes Reichelt (+1"74). A completare l'ottima giornata rossocrociata ci ha pensato Carlo Janka, autore del 10o tempo (+1"98).

Per la prima volta in un secondo turno di un Grande Slam, Henri Laaksonen (ATP 166) non è riuscito a compiere un altro exploit. Il rossocrociato è stato eliminato dagli Australian Open dal giovane australiano Alex De Minaur (29), impostosi per 6-4 6-2 6-7 (7/9) 4-6 6-3. Il 26enne di origini finlandesi, alla sua miglior prestazione in carriera sul circuito, ha sfiorato il colpaccio piazzando una clamorosa rimonta dopo esser stato sotto di due set. Ora De Minaur sarà confrontato con il numero due al mondo Rafael Nadal, che si è facilmente sbarazzato dell'australiano Matthew Ebden.

Angelique Kerber (WTA 2) ha ottenuto la vittoria numero 100 in carriera nei tornei del Grande Slam battendo nei 1/16 a Melbourne la qualificata brasiliana Beatriz Haddad Maia (195). Alla tedesca sono bastati 81' per imporsi con il punteggio di 6-2 6-3. Tutto tranquillo anche per la testa di serie numero 3, la danese Caroline Wozniacki, che ha liquidato con un chiaro 6-1 6-3 la svedese Johanna Larsson (36) La statunitense Sloane Stephens (5) ha dal canto suo dominato la sfida con la sua amica ed ex compagna di doppio Timea Babos (66), superata con i parziali di 6-1 6-2.

Dopo una battaglia vinta al primo turno contro la ceca Katerina Siniakova (WTA 34), Belinda Bencic (49) ha fatto il bis contro la kazaka Yulia Putintseva (39) al termine di un altro match durissimo, pieno di capovolgimenti di fronte e conclusosi sul 7-5 4-6 6-2. Una sfida, giocata sul lateralissimo campo numero 20, ricca anche di errori gratuiti e momenti di appannamento di entrambe le giocatrici, in cui di fatto ha vinto chi ha sbagliato di meno. Al terzo turno la Bencic sarà però chiamata a fare un'altra, ancor più grande, impresa contro la ceca Petra Kvitova, numero 6 al mondo.

-Il Lugano dovrà fare a meno per circa tre settimane di Sébastien Reuille. L'attaccante è stato sottoposto martedì ad intervento chirurgico di sintesi della frattura al dito indice della mano destra, riportata durante la partita di venerdì scorso contro gli ZSC Lions, quando è stato colpito da una violenta discata. L’operazione è perfettamente riuscita e il 37enne inizierà immediatamente la rieducazione. -Jérémie Kamerzin lascerà il Berna a fine stagione per fare ritorno nel Friborgo, club nel quale ha già giocato dal 2014 al 2016. Con gli Orsi il difensore 30enne si è laureato campione svizzero nel 2017.

Serata di gloria per i Nashville Predators di Josi, Weber e Fiala, che hanno travolto per 7-2 i Washington Capitals campioni in carica. Unico svizzero ad andare a punti è stato l'attaccante sangallese, autore di un assist. Nelle file degli ospiti il difensore elvetico Siegenthaler ha giocato ben 19'45", segno che il 21enne sta guadagnando sempre più la fiducia di coach Reirden. Niederreiter dal canto suo è stato schierato solo 9'31", ma ha trovato il gol d'apertura, il suo 9o stagionale, nel successo per 3-2 dei suoi Wild ai rigori sui Kings.

Un Roger Federer cinico e sportivamente spietato ha staccato il biglietto per i 1/16 degli Australian Open. Il basilese, numero tre del tabellone, ha sconfitto il britannico Daniel Evans (ATP 189) per 7-6 (7/5) 7-6 (7/3) 6-3. L'elvetico ha colto praticamente ogni possibilità per mettere alle strette l'avversario, che può recriminare per diverse occasioni perse. In particolare Evans non ha saputo sfruttare il 5/3 e servizio in mano nel 1o tie-break. Il britannico ha anche recuperato un break di svantaggio nel 2o parziale ma anche qui la maggior freddezza di King Roger ha avuto la meglio.

Uscita di scena piuttosto clamorosa agli Australian Open, dove Kevin Anderson, numero 6 al mondo, è stato battuto nel secondo turno in rimonta dall'energico americano Frances Tiafoe (ATP 39) con il punteggio di 4-6 6-4 6-4 7-5. Il gigante sudafricano è per ora la più alta testa di serie ad essere eliminata a Melbourne; al primo turno era uscito un altro top ten: John Isner (10). E ha faticato anche Marin Cilic (7) per digerire l'altro americano Mackenzie McDonald (83), che ha costretto il croato ad un match di 3h37', chiuso sul 7-5 6-7 (9/11) 6-4 6-4 a favore del finalista del 2018.

Patrick Bevin si è imposto nella seconda tappa del Tour Down Under, mettendosi sulle spalle anche la maglia di leader della corsa. Il neozelandese al termine dei 122,1km tra Norwood e Angaston, ha battuto in volata due pesi massimi dello sprint come Caleb Ewan e Peter Sagan.

-Una prestazione coriacea non è bastata ai Ticino Rockets contro il La Chaux-de-Fonds. Gli uomini di Cadieux hanno comunque guadagnato un punto nella sfida casalinga persa soltanto ai rigori, dopo che i 65' di gioco si erano conclusi sullo 0-0. Per gli ospiti hanno superato Mueller sia Hasani sia Mieville mentre per i rivieraschi ha trasformato il solo Kienzle.

Serata esplosiva nel massimo campionato, nonostante si siano disputate solo due partite, che hanno visto i successi del Berna in rimonta e del Losanna. Grazie ai due punti di Ginevra il Berna ha agganciato lo Zugo in vetta alla classifica. A decidere dopo il 4-4 del 60' è stato Arcobello che ha completato la rimonta. I ginevrini, che vincevano 4-1, restano 7i a 3 punti dalla riga. A Losanna, dove i vodesi si sono imposti per 4-0 staccando proprio il Langnau, ad esplodere sono invece stati gli animi. Particolarmente caldo il periodo centrale con 112' minuti di penalità, di cui 94' distribuiti in soli 5".

-Impegnato nell'11a giornata della Champions League, l'Olympic di Friborgo è riuscito a cogliere la propria terza vittoria nella competizione. I rossocrociati, già capaci di superare in due occasioni i cechi dell'Opava, si sono infatti imposti in trasferta sul Bonn. In Germania è stato Babacar Touré (21 punti e 12 rimbalzi) a trascinare i suoi al successo per 70-63.

-I Froelunda Indians sono la prima finalista della Champions Hockey League. Forti del 6-3 casalingo all'andata, gli svedesi hanno confermato la loro supremazia anche in Repubblica Ceca, dove hanno nuovamente sconfitto il Plzen, in questo caso per 3-1. Per la formazione di Goeteborg, trionfatrice nel 2016 e nel 2017, si tratta della quarta partecipazione in cinque anni all'atto finale della manifestazione, dove in questa occasione sfiderà la vincente dell'equilibrato duello tra Monaco e Salisburgo (0-0 nel primo incontro).

-Nella prima amichevole del ritiro di Murcia, in Spagna, il Lugano non ha incontrato particolari difficoltà contro la rappresentativa di giocatori iberici senza contratto. I bianconeri, che non schieravano ancora il neo acquisto Armando Sadiku, si sono infatti imposti per 6-1 grazie alle reti di Bottani (doppietta nel primo tempo), Junior, Vecsei, Fazliu e Gerndt.

Ora è ufficiale: Armando Sadiku è di nuovo un giocatore del Lugano. L'attaccante albanese 27enne, per la terza volta in bianconero, lascia dunque il Levante almeno per 6 mesi. Il prestito, particolare, dà ai ticinesi diritto di riscatto ma gli iberici potrebbero comunque ricomprarselo a giugno. Sottopostosi a un'operazione al ginocchio lo scorso agosto, lunedì Sadiku ha superato senza problemi le visite mediche e, definiti gli ultimi dettagli con la compagine spagnola, ha potuto ufficializzare il suo ritorno in Ticino. L'ex Locarno ha già indossato la maglia del Lugano dal 2012 al 2014 e nel 2017.

-Lo Zugo dovrà fare a meno per circa due settimane di David McIntyre. L'attaccante canadese si è infortunato alla nuca nel match di venerdì scorso contro il Losanna dopo una carica del vodese Dario Trutmann, che nell'occasione ha ricevuto una penalità di partita. -Il Bienne ha ingaggiato Dennis Saikkonen per rimpiazzare Elien Paupe. Il portiere di riserva dei bernesi si è dovuto sottoporre a un'operazione a un'anca. Il 26enne estremo difensore finora in questa stagione ha portato i colori dell'IPK in Finlandia, mentre in Svizzera ha già vestito le maglie di Ambrì, Friborgo e Kloten.

Lo Zugo, leader del campionato, dovrà fare a meno per un paio di settimane di David McIntyre. L'attaccante canadese si è infortunato alla nuca durante la partita vinta per 4-2 contro il Losanna. Per il fallo commesso ai suoi danni il vodese Dario Trutmann aveva ricevuto una penalità di partita.

Il Bienne ha ingaggiato Dennis Saikkonen per rimpiazzare Elien Paupe. Il portiere di riserva dei Seeländer si è dovuto sottoporre a un'operazione a un'anca. Il 26enne estremo difensore finora in questa stagione ha difeso i colori dell'IPK in Finlandia, mentre in Svizzera ha già vestito le maglie di Friborgo, Kloten e pure Ambrì, dove ha disputato 4 incontri.

Janez Brajkovic è stato sospeso per 10 mesi dopo essere stato controllato positivo alla metilexaneamina nell'aprile scorso durante il Giro di Croazia. Il 35enne sloveno, 9o al Tour de France 2012, ha avuto uno sconto di pena perché ha assunto la sostanza proibita tramite un decongestionante nasale. Il corridore, attualmente senza contratto, non farà ricorso a causa della mancanza "di energia e soldi".

Mikaela Shiffrin ha dominato il gigante di Plan de Corones. Sulle nevi trentine la statunitense, già davanti di 1"39 dopo la prima manche, ha conquistato il successo numero 53 in carriera, il 10o stagionale, precedendo di 1"21 la francese Tessa Worley e di 1"57 l'italiana Marta Bassino. A salvare la giornata per i colori rossocrociati ci hanno pensato Wendy Holdener, nona a 3"40, e la giovane Andrea Ellenberger, undicesima a 3"49. Lara Gut-Behrami ha faticato parecchio. Diciottesima dopo la prima discesa, la ticinese non è riuscita a recuperare e ha chiuso staccata di 4"50.

-Petr Cech metterà fine alla sua carriera al termine di questa stagione. Il 36enne portiere ceco è dal 2015 all'Arsenal, ma in precedenza ha giocato per 11 anni nel Chelsea, con il quale ha vinto quattro titoli di campione d'Inghilterra e una Champions League. Cech detiene il primato della Premier League per quanto riguarda le partite giocate senza subire reti, 202. -Il Tottenham dovrà fare a meno di Harry Kane fino a inizio marzo. Il 25enne attaccante si è infortunato alla caviglia sinistra domenica contro il Manchester United e salterà probabilmente entrambe le sfide di Champions League contro il Borussia Dortmund.

-Souleyman Doumbia ha lasciato il Grasshopper ed è passato al Rennes, squadra che milita nella Ligue 1 francese. Il 22enne difensore della Costa d'Avorio, arrivato a Zurigo nell'estate del 2017, con la maglia delle Cavallette ha totalizzato 47 presenze in Super League e cinque in Coppa Svizzera. -Lo Young Boys ha prestato Pedro Teixeira al Rapperswil (Challenge L.) fino a fine stagione. Il 20enne centrocampista offensivo, nazionale U20 elvetico, era giunto all'YB nell'estate 2017. -Lo Zurigo ha ingaggiato dall'Atletico Union di Santa Fé l'attaccante argentino 19enne Nicolas Andereggen.

-Souleyman Doumbia ha lasciato il Grasshopper ed è passato al Rennes, squadra che milita nella Ligue 1 francese. Il 22enne difensore della Costa d'Avorio, arrivato a Zurigo nell'estate del 2017, con la maglia delle Cavallette ha totalizzato 47 presenze in Super League e cinque in Coppa Svizzera.

-Il Lugano ha pescato l'Olympic Friborgo detentore del trofeo per le semifinali di Coppa Svizzera. I Tigers, che hanno eliminato nei quarti il Massagno nel derby, saranno di scena sul parquet dei campioni svizzeri, appena battuti in campionato, il 16 o 17 febbraio. L'altro penutlimo atto opporrà Monthey e Ginevra. In campo femminile il Riva ospiterà il Winterthur, mentre l'altra finalista scaturirà dalla sfida tra Troistorrents ed Elfic Friborgo.

Stan Wawrinka (ATP 59) ha superato il primo turno degli Australian Open senza vincere un set. Il vodese, che aveva perso la prima frazione per 6-3, ha approfittato del ritiro del lettone Ernests Gulbis (86) durante la seconda, quando l'elvetico era avanti per 3-1. Nel primo game del secondo set Gulbis si è toccato la schiena dopo uno scambio ed in seguito ha chiesto un time out medico. Il 30enne ha provato a continuare, ma poco dopo si è arreso. Wawrinka affronterà ora Milos Raonic (17), contro il quale è in vantaggio per 4-2 negli scontri diretti. Il canadese ha vinto però gli ultimi due.

Elia Viviani ha fatto sua la prima tappa del Tour Down Under, prima corsa dell'UCI World Tour. Al termine di 129km tra North Adelaide e Port Adelaide (Australia), condizionati dalle alte temperature, l'italiano della Quick-Step si è imposto in volata.

Debutto tranquillo per Novak Djokovic (ATP 1) agli Australian Open. Opposto al qualificato statunitense Mitchell Krueger (230), il serbo si è imposto con i parziali di 6-3 6-2 6-2. Tutto facile anche per Alexander Zverev (4), che a Melbourne negli ultimi tre anni non è mai andato oltre il 3o turno. Il tedesco ha iniziato il suo cammino battendo per 6-4 6-1 6-4 lo sloveno Aljaz Bedene (67). Se l'è vista brutta invece Kei Nishikori (9), che sotto per due set a zero ha vinto 15 dei seguenti 17 giochi prima che il polacco Kamil Majchrzak (176) dichiarasse forfait nel 5o set.

Nessun miracolo per Viktorija Golubic (WTA 103) nel primo turno degli Australian Open. La 26enne zurighese, passata dalle qualificazioni, ha dovuto arrendersi con un chiaro 6-1 6-2 all'ucraina Elina Svitolina (7). E' andata come un treno pure Serena Williams (16), che ha travolto per 6-0 6-2 la tedesca Tatjana Maria (73). La statunitense, che era alla sua prima apparizione ufficiale sul circuito dopo il diverbio con l'arbitro nella finale persa degli US Open, al prossimo turno se la vedrà con Eugenie Bouchard (79). La canadese ha concesso solo tre giochi alla cinese Shuai Peng (128).

-James Harden ha sfoderato una prestazione da MVP: con 57 punti messi a referto, il 29enne non solo ha permesso ai Rockets (senza Clint Capela, infortunato a un pollice) di sconfiggere 112-94 i Memphis Grizzlies, ma ha anche allungato a 17 la serie di partite consecutive sopra quota 30, staccando Kobe Bryant e mettendo nel mirino le 20 di Wilt Chamberlain (1964). Ancora senza Thabo Sefolosha (problemi a un polpaccio), gli Utah Jazz hanno piegato 100-94 i Detroit Pistons.

La prima sorpresa della 2a giornata degli Australian Open l'ha messa a segno Timea Bacsinszky (WTA 145) che ha battuto la russa Daria Kasatkina (10) con un chiaro 6-3 6-0. La vodese, sotto per 3-0 nel primo set, ha saputo reagire e infilare ben 12 giochi consecutivi. L'elvetica, che ha messo in evidenza un gioco variato per tornare a battere dopo quasi due anni una top 10, si troverà di fronte ora la russa Natalia Vikhlyantseva (134). Non ce l'ha invece fatta la 28enne Stefanie Voegele (85), che nulla ha potuto contro la taiwanese Hsieh Su-Wei (27), impostasi per 6-2 6-1.

La Roma ha battuto senza problemi l'Entella (Serie C) negli ottavi di finale di Coppa Italia e raggiunge la Fiorentina nei quarti. All'Olimpico i giallorossi si sono imposti per 4-0 grazie alla doppietta di Schick e ai gol di Marcano e Pastore. L'Atalanta ha invece superato 2-0 il Cagliari in virtù delle reti di Zapata e Pasalic nei minuti conclusivi. Ora se la vedrà con la Juventus.