nov 19
nov 26

Castellinaria

da sabato a sabato, Mercato coperto di Giubiasco

Vedi mappa
  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Castellinaria - Festival del cinema giovane avvicina tutti a un cinema di qualità che esprime cultura, apertura, coraggio attraverso nuove cinematografie provenienti dal mondo intero.

La manifestazione, che festeggia quest'anno il 35° giubileo, si terrà nella nuova sede del Mercato coperto di Giubiasco da sabato 19 a sabato 26 novembre 2022.

Più di una quarantina di film, fra lungometraggi e corti, per porre sotto i riflettori giovani e giovanissimi. Ospiti illustri come i fratelli Dardenne e Pupi Avati. Il consolidamento di una rete di mediazione culturale più che mai attiva e nuove iniziative. Sono alcuni degli elementi con cui Castellinaria sottolinea la sua 35esima edizione, marcando l’anniversario con un cambiamento immediatamente percepibile.

Fra le nuove iniziative c'è Oltre le sbarre, con la quale Castellinaria entra per la prima volta nel carcere della Stampa dove si è formata una giuria incaricata di valutare la selezione dei cortometraggi del concorso Castellincorto.

Speciale è pure l’appuntamento di giovedì 24 ottobre, una giornata nel segno del calcio che si aprirà con la diffusione al Mercato Coperto di Giubiasco della prima partita della nazionale svizzera ai mondiali 2022 e che si chiuderà con Llenos de gracias, film spagnolo proposto in collaborazione con ProJuventute, che gravita attorno al mondo del pallone e a come questo possa fornire occasione di riscatto.

Anche la mostra Vestire il cinema al Castelgrande di Bellinzona segna in modo particolare l’anniversario. Dedicata ai costumi firmati dalla celebre sartoria romana Tirelli Trappetti, che ha realizzato abiti per film famosissimi – quelli di Luchino Visconti ad esempio – si estenderà oltre la durata del festival, fino al prossimo 8 gennaio. La RSI sarà coinvolta in questa esposizione di costumi mettendo a disposizione alcuni abiti usati in alcune importanti produzioni televisive; inoltre ci saranno gli atelier "Costumista per un giorno" durante i quali gli iscritti potranno, giocando, avvicinarsi a questa professione del cinema: in uno spazio della sala Arsenale allestito come una grande sartoria, saranno disponibili abiti, manichini, accessori, scarpe, cappelli. L'attività consisterà nel lavorare con una costumista, Barbara Splendiani Unternäher, per imparare come si caratterizza un personaggio e scoprire trucchi del mestiere.

A questi si aggiungeranno quelli targati RSI EDU grazie all'appoggio della Sartoria RSI che per la prima volta aprirà le porte del suo prezioso archivio storico dei costumi cui anche la mostra attingerà, nell'ambito del Media Partenariato per l'edizione 2022 della rassegna.

Nel contesto della mostra è stata anche avviata la collaborazione con la SAM, scuola di sartoria di Lugano con la proposta di diventare costumisti e creare gli abiti per una serie TV, Stranger Things, attualmente su Netflix e molto popolare fra i giovani. L’idea è di mettere in mostra i vestiti, uomo e donna, e di invitare gli studenti a raccontare la loro creazione, dal disegno alla cucitura, durante un incontro con scuole medie e medie superiori interessate.

VINCI gli ingressi alla mostra "Vestire il cinema"

Seguici sui Social RSI oppure iscriviti alla nostra Newsletter!

RSI è Media Partner dell'evento è sarà presente con una postazione dedicata alla Virtual Reality dove si potrà fruire Luna Park VR, opera di Patrick Soergel per RSI realizzata a partire dall'omonimo spettacoli della compagnia Finzi Pasca.

Rete Tre trasmetterà da Giubiasco: Il divano di spade in onda dalle 18.00 alle 18.45 sabato 19 e sabato 26 novembre.

 

Correlati