ott 20

Verso di qua Verso di là

Martedì alle 20.15, in diretta Facebook dal MONK Club, Roma

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Poesia, migrazione, performance poetico musicali e il brivido della gara con otto grandi protagonisti del Poetry slam in Italia e in Svizzera, noti a livello internazionale.

Questi gli ingredienti dell’iniziativa che si svolge al teatro Monk di Roma martedì 20 ottobre alle 20.15, promossa dall’Ambasciata di Svizzera in Italia e dalla CRI, Comunità radiotelevisiva italofona. L'evento sarà in diretta Facebook sulla pagina @AmbasciataSvizzeraRoma

Un’iniziativa articolata, messa a punto con il direttore artistico Lello Voce, a sua volta poeta, scrittore e performer. È a lui che si deve l’introduzione del Poetry slam in Italia.

Una serata ricchissima che si aprirà con le performance poetico-musicali di Marko Miladinovic e di Roberto Paci Dalò con Lello Voce.

Cuore della serata il Poetry Slam, forma di competizione che coniuga poesia, improvvisazione e teatro nata negli Stati Uniti negli anni ottanta, ora fenomeno di successo in tutto il mondo.

Maestri di Cerimonia Dome Bulfaro e Marko Miladinovic. Chiamati a sfidarsi sul palco del Monk con una poesia inedita sul tema della migrazione tra Italia e Svizzera: Rodolfo Ceré, Margherita Coldesina, Anna Maria Di Brina, Sergio Garau, Tommaso Giacopini, Wissal Houbabi, Antea Moro e Simone Savogin.

Verso di qua Verso di là è il titolo della manifestazione: richiama la frontiera, il movimento a pendolo delle migrazioni, fatte di partenze, ritorni, storie di successo, ma anche di integrazione non facile e diffidenza.

Un fenomeno radicato nella storia con forti influssi anche sulla lingua italiana, che in Svizzera è una delle quattro nazionali.

È un modo per parlare di un tema per noi essenziale - migrazione e lingua italiana - a un pubblico diverso da quello di una tradizionale conferenza e con un linguaggio nello stesso tempo classico e moderno”, afferma Rita Adam, Ambasciatrice di Svizzera in Italia, Malta e San Marino.

Oggi, la realizzazione di questa iniziativa, è anche un segno d’incoraggiamento che vogliamo dare - dicono i promotori - agli artisti giovani e al settore culturale, molto colpiti dalla crisi COVID.”

Naturalmente l’evento si svolgerà nel pieno rispetto della normativa anticovid.

La serata si concluderà con la premiazione del vincitore, proclamato, come previsto nei poetry slam, da una giuria composta da cinque persone scelte a caso tra il pubblico.

In chiusura i saluti di Rita Adam, Ambasciatrice di Svizzera in Italia, Malta e San Marino, di Dario Armini, Capo dell’Ufficio promozione della lingua e dell'editoria italiana, internazionalizzazione delle Università italiane, borse di studio ministeriali della Direzione Generale Promozione Sistema Paese del MAECI e di Maurizio Canetta, presidente della Comunità radiotelevisiva italofona.

Il progetto ha ricevuto il sostegno del Dipartimento Federale degli Affari Esteri svizzero e dell’Aiuto Federale per la lingua e la cultura italiana e la gentile collaborazione di Rai Teche e RSI.

La serata è parte delle iniziative messe in campo per la Settimana della Lingua italiana nel mondo (19-25 ottobre 2020), organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale in cooperazione con i partner per la promozione linguistica, tra cui l’Ambasciata di Svizzera in Italia, Malta e San Marino.

Gode inoltre dell’importante riconoscimento del Patrocinio della RAI Radiotelevisione Italiana, della LIPS - Lega italiana Poetry Slam e di WOW Incendi Spontanei.