Il dilemma dell'olio di palma / Etilometri bugiardi / Diesel col trucco | Puntata intera del 16.12.2016

Il dilemma dell'olio di palma / Etilometri bugiardi / Diesel col trucco

Puntata del 16.12.2016

venerdì 16/12/16 21:10 - ultimo aggiornamento: venerdì 16/12/16 23:38

È stato per anni l’ingrediente più usato dall’industria alimentare: dapprima sotto mentite spoglie, quelle di un “grasso vegetale” generico, e in seguito chiamato con il suo vero nome: olio di palma. Patti chiari ne aveva parlato lo scorso mese di aprile dando voce a chi lo vede come fumo negli occhi e a chi invece non può proprio farne a meno. Già, l’industria alimentare dell’olio di palma sembrava avere veramente un grande bisogno e questo ingrediente pareva racchiudere in sé il meglio.

Ebbene, nello spazio di qualche mese, le cose sono cambiate: l’olio di palma è sparito da molti prodotti, e di questo cambiamento l’industria si vanta pure nelle pubblicità! Ma come è possibile?

Patti chiari, nel servizio di Chiara Camponovo e Luca Marcionelli, ha chiesto spiegazioni proprio a chi l’uso dell’olio di palma lo aveva difeso a spada tratta, anche in diretta nei nostri studi. Come viene giustificato il cambiamento? Be', ve lo assicuriamo: noi non potevamo credere alle nostre orecchie! Ora la questione è capire con che cosa è stato sostituito: sembrava davvero impossibile eppure lo si sta facendo. Con quali conseguenze? E chi ancora lo usa, come si giustifica?

 

Lo "sporco affare" del diesel

Si torna a parlare dello scandalo dieselgate. Vi ricordate? Avevano battezzato così la pratica applicata sulle auto Volkswagen, che grazie a un software superavano il test antinquinamento in laboratorio, ma poi in strada emettevano ossido di azoto a più non posso. Ebbene la scorsa settimana la commissione europea ha aperto una procedura di infrazione contro 6 nazioni, in primis la Germania, per non aver applicato sanzioni contro chi ha barato.

Ma a un anno di distanza da quello scandalo la situazione non sembra essere cambiata. Sotto accusa ancora i motori diesel di nuova generazione. Un test denuncia: una dozzina di marche superano, anche fino a 5 volte, i limiti legali delle emissioni. Patti chiari vi mostra tutti gli “sporchi metodi” dei produttori di automobili per ingannare i consumatori.

 

Etilometri bugiardi

E’ uno strumento che sta diventando di moda, soprattutto in periodi, come questi, di cene e bevute frequenti. Ebbene sì, perché dopo aperitivi, bicchieri di vino e digestivi c’è spesso un’incombenza da affrontare. Tornare a casa in auto. Il rischio di incappare in un controllo di polizia è alto. E allora per evitare brutte sorprese c’è chi ha trovato la soluzione: acquistare un etilometro.

Se ne vendono in farmacia, siti on line, negozi specializzati e possono costare anche diverse centinaia di franchi. E dovrebbero permetterci di verificare se siamo idonei alla guida. Un test del Touring Club svizzero ha però scoperto che questi aggeggi... fanno acqua da tutte le parti.

Patti chiari vi mostra i retroscena di questa analisi e svela quali sono i prodotti sul mercato che superano la prova. Per evitare che i produttori la diano a bere al consumatore.

 

#DistantiMaVicini

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con