La cura c'è ma costa troppo!

Puntata del 6.05 - In Svizzera ci sono pazienti a cui viene negato un farmaco per curare l’epatite C, che causa cirrosi e tumori. Il racconto di questa terribile vicenda

venerdì 06/05/16 11:33 - ultimo aggiornamento: venerdì 06/05/16 23:50

C’è una malattia che può avere conseguenze gravissime: è l’epatite C e può portare anche al cancro o alla morte. C’è una nuova terapia che può guarire completamente chi è affetto da questo virus: funziona in 9 casi su 10 e non ha effetti collaterali rilevanti. Tutto bene, quindi. O no?

La buona notizia, infatti, non è per tutti: perché la Gilead, la società farmaceutica americana che ha messo sul mercato questi nuovi farmaci, è ben cosciente di quanto siano importanti per chi è malato e per la salute pubblica. E ha pensato bene di spremere al massimo le assicurazioni malattia per massimizzare i profitti: così acquistare i nuovi farmaci Sovaldi e Haroni per portare a termine la terapia di 12 settimane costa tra 48mila e 50mila franchi: un vero salasso! Senza contare che in India vendono un generico la cui cura costa 1000 fr.

Per questa ragione, l’Ufficio federale della sanità pubblica raziona le terapie: solo i malati con un’epatite C a uno stadio più avanzato hanno diritto alla cura. Per gli altri, bisogna aspettare… un aggravamento della malattia, altrimenti la cassa malati non sborsa un centesimo. Ma come è possibile?  Al servizio segue la discussione in studio con il dott. Enos Bernasconi, primario malattie infettive dell’Ospedale civico di Lugano.

Hai qualcosa da aggiungere a questa storia? Scrivilo nei commenti!
Se invece vuoi rivedere la puntata intera, CLICCA QUI.

Europa League, Lugano & Young Boys: alla RSI

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con