L'incubo della plastica

Puntata dell'11.5 - Plastic Attack. Un’associazione denuncia l’uso eccessivo di imballaggi. E Patti chiari mette alla prova i supermercati

venerdì 11/05/18 10:36 - ultimo aggiornamento: venerdì 11/05/18 23:29

Acquisti i prodotti e con loro ti porti a casa confezioni, tante confezioni, spesso di plastica. Avete mai provato a consegnare ai rivenditori tutta la plastica che avvolge i vostri acquisti? Come hanno reagito?

Si chiamano Plastic Attack e si stanno moltiplicando in tutta Europa: gruppi di cittadini che, appunto, una volta effettuati i loro acquisti in un supermercato, si sbarazzano degli imballaggi e li riconsegnano al negozio. È successo anche nella Svizzera italiana, per l’esattezza sabato scorso a Lugano. Si tratta di azioni che vogliono sensibilizzare sui problemi causati dagli imballaggi, quelli in plastica soprattutto, ma non soltanto. Per richiamare l'attenzione dei consumatori sui troppi rifiuti che gli imballaggi provocano e spingere i supermercati a ridurne sempre di più quantità e volume.


Onnipresente e indistruttibile, oltre che molto comoda, la plastica dà il nome a queste azioni, perché sempre più diventa un problema: resti di sacchetti, contenitori, bottiglie e mille altri oggetti in plastica si trovano dappertutto e sono destinati a durare per decenni prima di degradarsi e frammentarsi, trasformandosi in microplastiche, una nuova fonte di inquinamento che suscita preoccupazioni sempre maggiori.
In studio ne parliamo con il responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Giuseppe Ungherese.

Prese di posizione

Presa di posizione - COOP
Presa di posizione - MANOR
Presa di posizione - LIDL SVIZZERA
Presa di posizione - DENNER
Presa di posizione - MIGROS TICINO
Presa di posizione - ALDI  

Ogni giovedì in prima serata: Falò

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con