Nella rete dei broker

di Michele Rauch e Valerio Scheggia

Se i broker fanno promesse da... marinai!

Puntata del 22.05 - Gli astuti espedienti di alcuni intermediari per spingere a stipulare assicurazioni di terzo pilastro

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Per alcuni broker attivi in Ticino, gennaio è stagione di pesca al… frontaliere. L’esca? La promessa di aiutarli a farsi restituire una parte delle imposte alla fonte che il datore di lavoro ha detratto loro dallo stipendio. A ben precise condizioni, anche il frontaliere ha diritto a far valere alcune deduzioni fiscali, alla pari dei residenti. I paletti sono però molto stretti. E poi, perché un broker dovrebbe mettersi a fare consulenza fiscale ai frontalieri? La cosa ci ha insospettito. E dopo alcune segnalazioni abbiamo iniziato a indagare, grazie anche all’aiuto di alcuni “complici”. Cosa abbiamo scoperto? Che il recupero d’imposta è per lo più un pretesto. E che il vero obiettivo è vendere ai frontalieri assicurazioni previdenziali vincolate, il cosiddetto terzo pilastro. Per di più, come dimostrano i nostri test in incognito, con tecniche di vendita discutibili e scorrette. Informazioni sottaciute, inesatte o fuorvianti. Fornite anche da persone senza i necessari requisiti per fare il consulente. E l’autorità di vigilanza sui broker, cosa fa?

Ne discutiamo con Helena Sievi, rappresentante dell'Associazione svizzera dei broker assicurativi (SIBA).

Prese di posizione

 

 

 

 

 

 

Condividi
Commenti
Commenti
I più votati
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti