Una vita a km 0, missione possibile?

Puntata del 9.11 - Patti chiari ha tentato di cucinare, per una settimana, a km 0. Ecco com'è andata

venerdì 09/11/18 14:50 - ultimo aggiornamento: sabato 10/11/18 00:12

I mirtilli dalla Polonia, le zucchine dalla Spagna, il riso dalla Tailandia,… oggi andare a fare la spesa è come fare il giro del mondo. Volenti o nolenti acquistiamo prodotti che prima di finire nei nostri supermercati viaggiano per chilometri e chilometri. Ma è normale?

A Patti chiari abbiamo voluto verificare on un test se è possibile consumare in un modo diverso: a chilometro zero. Per una settimana abbiamo vissuto solo con alimenti rigorosamente made in Ticino! A dirsi sembra facile, in realtà… Siamo partiti acquistando i prodotti contrassegnati con i colori ticinesi, ma abbiamo ben presto capito che questa indicazione non basta. Il rosso e il blu infatti li abbiamo trovati anche su prodotti con ingredienti provenienti da Italia, Stati Uniti, addirittura Nuova Zelanda.

Abbiamo perciò dovuto rassegnarci a una lettura dettagliata e minuziosa delle etichette. Anche così, però, resta un problema: in molti casi, infatti, la provenienza degli ingredienti non è indicata…

 

La grande distribuzione cerca di aiutare il consumatore mettendo in bella vista loghi e marchi che dovrebbero indicare il prodotto a chilometro zero, ma anche qui non tutto fila liscio. Un esempio: un alimento che si fregia dalla bandiera ticinese il cui ingrediente principale arriva direttamente dalla Francia. Ma allora come possiamo essere sicuri di mangiare locale? Cosa o chi ci garantisce la provenienza? Di chi ci possiamo fidare?

 

Durante la nostra settimana made in Ticino abbiamo visitato aziende, siamo andati tra i campi, abbiamo chiesto spiegazioni alla grande distribuzione: chi ci ha fatto entrare, chi no, chi ci ha dato spiegazioni e chi non si è fatto trovare. Ma il chilometro zero non dovrebbe puntare sulla trasparenza e sul rapporto diretto con il consumatore? Ne discutiamo in studio con Laura Regazzoni Meli, segretaria generale dell’ACSI, Jasmine Said Bucher, responsabile di Alpinavera, promuove il marchio Ticino e il professore di protezione del clima al politecnico di Zurigo Marco Morosini.

Abbiamo anche analizzato 10 prodotti locali e 10 correspettivi prodotti di provenienza estera per misurarne l'impatto ambientale. Ebbene, il locale, nel nostro test, vince sempre sul prodotto d'importazione.



Abbiamo chiesto agli spettatori di Patti chiari di fare il test del WWF per misurare la propria l'impronta ecologica. Se tutti adottassero lo stile di vita dei nostri telespettatori servirebbero ca. 2 pianeti!! Possiamo migliorare! Non hai ancora fatto il test? CLICCA QUI

Hai qualcosa da aggiungere a questa storia? Scrivilo nei commenti!
Qui invece puoi rivedere la PUNTATA INTERA.

Prese di posizione
Presa di posizione - RAPELLI SA  
Presa di posizione - MANOR
Presa di posizione - RISERIA TAVERNE SA
Presa di posizione - COOP
Presa di posizione - COMMISSIONE DEL MARCHIO TICINO  

Guarda che luna!

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con