Roberta, Donato e Vanessa stanno per scoprire com'è andato il mese senza zuccheri aggiunti
Roberta, Donato e Vanessa stanno per scoprire com'è andato il mese senza zuccheri aggiunti

Zucchero: l'amara verità

Puntata del 15.04 - Un test ha coinvolto 3 telespettatori di Patti chiari per scoprire le insidie nascoste dietro un eccessivo consumo di zuccheri aggiunti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Si chiamano Roberta, Donato e Vanessa. Sono tre telespettatori di Patti chiari che per un mese hanno rinunciato agli zuccheri aggiunti. Quegli zuccheri onnipresenti nella nostra alimentazione, anche dove meno ce l’aspettiamo. Ecco quali sono. 

Già perché non sono contenuti solo nei dolci e nelle bevande gassate, ma anche in molti cibi industriali. Si trovano nelle salse, negli alimenti in scatola e in quelli precotti. Insomma dagli zuccheri aggiunti siamo circondati. E ne mangiamo troppi. Così sono finiti sul banco degli imputati tanto che l’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda di limitarne l’assunzione al 10% del fabbisogno calorico giornaliero. In altre parole una persona con un fabbisogno quotidiano di 2000 calorie, non dovrebbe superare i 50 grammi di zuccheri aggiunti. Facile direte? Mica tanto. Una bottiglia di Coca Cola da mezzo litro contiene ben 53 grammi di zuccheri aggiunti. E con un solo vasetto di yogurt alla frutta si raggiungono già 25 grammi.

Ma allora è possibile non superare le dosi consigliate? E che impatto ha sulla nostra salute un’alimentazione senza zuccheri aggiunti? È proprio quello che hanno provato a fare le nostre 3 cavie che hanno accettato di sottoporsi a un test senza precedenti. Al servizio segue la discussione in studio con il dottor Pietro Gerber, specialista in endocrinologia, Beatrice Baumer, presidente della Commissione federale dell’alimentazione e docente di nutrizione e chimica alimentare presso la scuola universitaria professionale di Zurigo (ZHAW)  e naturalmente i nostri sfidanti Roberta Marmori Setter, Donato Fattizzo e Vanessa Beretta.

Nella 2a parte del servizio vi raccontiamo anche perché troppo zucchero è pericoloso per la nostra salute, perché causa obesità, diabete e malattie cardiovascolari. E ancora: è possibile superare la “dipendenza” da zucchero? All'Istituto auxologico italiano di Milano la combattono con la realtà virtuale!

E le industrie alimentari in tutto questo che fanno? Assicurano il loro impegno e le promesse sono roboanti. La scorsa estate 10 aziende svizzere hanno firmato un’intesa con le autorità sanitarie federali per ridurre lo zucchero negli yogurt e nei cereali. Ma finora cosa è stato fatto? Abbiamo confrontato 17 prodotti che avevamo analizzato 3 anni fa. Come vedremo nella seconda parte del servizio solo 4 di questi hanno diminuito lo zucchero. 

Per quattro settimane abbiamo seguito Roberta, Donato e Vanessa giorno dopo giorno: a casa, sul lavoro, a scuola, al supermercato. Una bella sfida fatta di tante rinunce! Ce l’avranno fatta? Sarà cambiato qualcosa nel loro corpo? Ecco i risultati!


Hai qualcosa da aggiungere a questa storia? Scrivilo nei commenti! Se invece vuoi rivedere la puntata intera, CLICCA QUI.

Un'indagine europea rivela come cambiano i valori nutrizionali dei singoli prodotti da un Paese all'altro. Per esempio, nella bibita Fanta di Coca Cola vi sono marcate differenze nella quantità di zucchero contenuto nelle bottigliette vendute nei differenti Paesi europei. Leggi l'artricolo de Il Fatto Alimentare: > http://www.ilfattoalimentare.it/valori-nutrizionali-variazioni-studio.html

 

Prese di posizione

 

Condividi
Commenti
Commenti
I più votati
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti
3 nuovi commenti