ott 19
ott 23

Film Festival Diritti Umani Lugano

Da mercoledì 19 a domenica 23 ottobre, Cinema Iride e Cinema Corso a Lugano

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Da mercoledì 19 a domenica 23 ottobre si svolgerà a Lugano la nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano (FFDUL), il più importante forum sui diritti umani e il primo festival cinematografico della Svizzera italiana interamente dedicato a queste tematiche nato nel 2014 e diretto da Antonio Prata.

Come di consueto, saranno cinque giorni dedicati alla situazione dei diritti umani, sempre più precari, attraverso pellicole arrivate da tutto il mondo, ma anche all'approfondimento, grazie ai forum e agli ospiti internazionali che arriveranno a Lugano per incontrare il pubblico.

Due le sale (Cinema Corso e Cinema Iride) in cui saranno proposti oltre 26 film, tra cui sei cortometraggi: nove prime svizzere e 15 prime per la Svizzera italiana.

Inaugura il festival il film KHERS NIST (GLI ORSI NON ESISTONO) del regista iraniano Jafar Panahi, in carcere dal luglio 2022 con una pena di sei anni da scontare, Premio Speciale della Giuria all’ultima Mostra internazionale d’Arte cinematografica di Venezia. La chiusura invece è affidata all’italo-spagnolo ALCARRÀS, Orso d’oro all’ultima Berlinale.
Fra gli ospiti, spiccano Rachel M'Bon, co-regista di JE SUIS NOIRES (produzione svizzera del 2022), Valeria Mazzucchi e Antoine Harari, registi di L'ÉTINCELLE (documentario del 2021) e il rapper INOKI per il film EL ARENA.
Sarà a Lugano per presentare due suoi film Neary Adeline Hay, Premio Diritti Umani per l’Autore FFDUL 2022.

Due i momenti in cui la si potrà incontrare a Lugano: per la premiazione venerdì 21 ottobre alle 20.30 al Cinema Corso, seguita dalla proiezione del film Eskape (2021, Francia), la sua ultima opera presentata ai festival IDFA e Hot Docs, a cui seguirà un dibattito con la stessa Hay. Sarà anche al Cinema Iride sabato 22 alle 15.30 per la proiezione di Angkar (2018, Francia, Cambogia), premiato in molti festival, tra cui Cinéma du Réel di Parigi e l’International Film Festival di Rotterdam. Anche in questa occasione alla proiezione seguirà un approfondimento con la regista dal titolo La Cambogia, tra memoria e riappacificazione.
Un altro premio, tradizionalmente consegnato per affinità tematiche in occasione del FFDUL, è il Premio Giornalistico Carla Agustoni che sarà consegnato domenica 23 ottobre alle ore 14.00 presso il cinema Corso, in collaborazione con AMCA– Aiuto Medico al Centro America. A seguire, la proiezione di Little Palestine, Diary of a Siege (prima nella Svizzera italiana), opera prima di Abdallah Al-Khatib del 2021 (Libano, Francia, Qatar, 2021), un crudele diario filmato sulle sorti dei civili palestinesi in un quartiere-campo profughi della Città di Damasco durante la guerra civile in Siria.

Il FFDUL sostiene e collabora anche a progetti culturali quali mostre e approfondimenti; citiamo l'appuntamento di domenica 16 ottobre alle ore 15.00 presso il Museo Vincenzo Vela e in collaborazione con il Cineclub del Mendrisiotto: in occasione dei 90 anni dalla nascita di Andrej Tarkovskij, il FFDUL propone il documentario Andrej Tarkovskij. Il cinema come preghiera (Italia, Russia, Svezia, 2019, 97’, russo, sottotitoli italiano) realizzato dal grande cineasta che lo presentarà.

Immancabile la programmazione per le scuole: sei pellicole e altrettanti incontri e discussioni pensati per avvicinare gli studenti delle scuole superiori a temi così importanti.

Le casse nei cinema aprono un'ora prima della proiezione.
I biglietti e gli abbonamenti possono essere anche acquistati online sul sito web biglietteria.ch

RSI è Media Partner del Festival

 

Partner

Correlati