Imposta di circolazione / Tir truccati / Auto spie | Puntata intera del 24.02.2017

Imposta di circolazione / Tir truccati / Auto spie

Puntata del 24.02.2017

venerdì 24/02/17 21:05 - ultimo aggiornamento: giovedì 09/03/17 15:48

Compri un’automobile nuova e meno inquinante facendo affidamento sugli ecoincentivi fiscali, ma dopo pochi mesi… il bonus va in fumo. E l’imposta di circolazione raddoppia.

Una brutta sorpresa capitata a molti cittadini ticinesi che nelle scorse settimane hanno aperto la lettera proveniente da Camorino. La stessa automobile che a dicembre 2016 veniva considerata virtuosa per le sue basse emissioni nocive, nel gennaio 2017 virtuosa non lo era più.

Ma non è l’unico paradosso, del giro di vite attuato dal governo ticinese sugli ecoincentivi. Lo sa bene un altro cittadino che si è rivolto a Patti chiari. Per lui, oltre al danno… anche la beffa, quando ha scoperto che se la sua auto avesse un anno in più, pagherebbe il 40% in meno. Sembra impossibile, ma è proprio così. È quanto prevede la legge.

A Patti chiari, nel servizio di Michele Rauch e Remy Storni,  lo sdegno e l’incomprensione degli automobilisti. E le risposte delle istituzioni, accusate di aver piegato il sistema bonus-malus alle necessità di bilancio.

 

TIR truccati

Diesel truccati non solo sulle automobili, ma anche sui TIR. La denuncia viene dall’Austria e un test sulle strade svizzere mostra che troppo spesso gli autocarri esteri che circolano sulle nostre strade inquinano più del dovuto. A differenza dello scandalo che aveva travolto la Volkswagen nell'autunno del 2015 (e che negli scorsi mesi ha coinvolto altre marche, a cominciare da Fiat e Renault), stavolta non sono però i produttori a fare i furbi, ma i proprietari dei veicoli.

I TIR Euro 5 e Euro 6, per abbattere gli ossidi di azoto (i famosi NOX), fanno capo a uno speciale additivo: l’Adblue. Senza questo additivo, il computer di bordo taglia la potenza per evitare che l’inquinamento aumenti esponenzialmente. Ma molti camionisti hanno scoperto che c’è un trucco per aggirare l’ostacolo: un emulatore che fa sembrare che l’additivo ci sia anche quando è finito. Sotto accusa i TIR provenienti dall’est Europa e dall’Italia. Camion che con questo trucco inquinano fino a 5 volte oltre il consentito.

Un modo per risparmiare a scapito della salute di tutti! Patti chiari vi mostra in cosa consiste il trucco e quali sono le conseguenze, in particolare per un paese di transito come il nostro.

 

Una spia a 4 ruote

Auto spione: mentre guidate, la vostra vettura trasmette a vostra insaputa un sacco di informazioni al costruttore. Che così può farsi un’idea di come vi comportate al volante ma anche di chi siete. Un complesso test eseguito su quattro modelli di auto rivela una realtà sconcertante: il fabbricante può conoscere il livello della benzina, la regolazione del sedile, la musica che ascoltate e leggere persino i contatti della rubrica telefonica del vostro cellulare. Talvolta anche in tempo reale. Veri e propri agenti segreti su 4 ruote, e questo grazie a 200 sensori che ci controllano. La maggior parte degli automobilisti ignora tutto ciò. Aspetti che pongono seri interrogativi sulla protezione della sfera privata: i dati raccolti possono infatti essere usati anche dalle assicurazioni e dai tribunali, al punto che la vettura può trasformarsi nell’accusatrice del proprio conducente.

 

Ogni giovedì in prima serata: Falò

In onda
  • LU
  • MA
  • ME
  • GI
  • VE
  • SA
  • DO
21:10
Seguici con