Cult novembre 2020

Un'equazione illuminante

Quando le luci in sala si sono spente, siamo ammutoliti dietro le nostre mascherine. Erano mesi che non varcavo la soglia di un teatro e tornarvi dopo tanto tempo aveva il sapore di una dolce conquista, la stessa che vedevo riflessa negli sguardi dei soliti habitué sorprendentemente esitanti e spaesati. Sul palco Sergio Blanco, autore e regista franco- uruguayano con il suo “Memento mori” che, ad un tratto, propone questa riflessione: “Essere come non essere sono due stati che mi opprimono uno quanto l’altro.

Questo spiega perché l’unico universo che mi interessa è quello dell’arte, dove le cose sono e non sono allo stesso tempo, sfidando tutte le leggi della fisica e alterando così le sue equazioni. Alla domanda di Shakespeare essere o non essere?, mi piace rispondere che è possibile essere e non essere allo stesso tempo. Essere e non essere, questa è la mia equazione.” All’uscita da questo spettacolo del FIT, Festival Internazionale del Teatro, queste parole sono rimaste con me, come impigliate tra i pensieri.

Le equazioni sono strumenti di altissima precisione che ci permettono di risolvere problemi e descrivere il mondo. Sergio Blanco con il suo spettacolo ha indagato l’idea della scomparsa, della morte, e la nostra relazione controversa con essa. Ne ha fatto spettacolo proponendo un testo intenso, pieno di vita.

Ora in onda Notiziario In onda dalle 16:30
Brani Brani in onda Take five - Dave Brubeck Ore 13:55