Alphaville

Suolo e cemento

L’importanza di preservare il suolo

  • 12 February, 15:10
  • Scienze umane e sociali
  • Scienza e tecnologia
601064252_highres.jpg

Un grande cantiere a Zurigo

  • Keystone
Di: Mario Fabio

Il Trattato di Lisbona dell’Unione europea impone di raggiungere un consumo netto di suolo pari a zero entro il 2050, eppure l’obiettivo è ancora lontano. Del resto ci sono paesi come Austria, Belgio o Spagna che non hanno ancora fatto granché in tal senso. Altri in cui ci si è cominciati a muovere. In particolare, la Germania, dal 2001 ha una norma che limita questa pratica. L’obiettivo è ridurre di un quarto il consumo di suolo, dai 120 ettari al giorno dei primi anni Duemila a un massimo di 30 ettari al giorno nel 2030. Il risultato non è ancora stato raggiunto, ma almeno si è messa in moto una macchina culturale e i vari Länder hanno leggi regionali con meccanismi compensativi per arrestare il consumo del suolo. Nel frattempo, che cosa si sta facendo in Svizzera? E in Ticino?

Dossier: “Suolo e cemento”

  • Dossier: “Suolo e cemento” (1./5)

    Con Paolo Pileri discutiamo il consumo del suolo

    • 12.02.2024
    • 11:05
  • Dossier: “Suolo e cemento” (2./5)

    Gudrun Schwilch ci parla del ruolo fondamentale del suolo

    • 13.02.2024
    • 11:05
  • Dossier: “Suolo e cemento” (3./5)

    Oggi a discuterne ai microfoni di Alphaville Dino Gavinelli, professore ordinario di geografia

    • 14.02.2024
    • 11:05
  • Dossier: “Suolo e cemento” (4./5)

    Ai microfoni il capo della sezione della protezione dell’aria, dell’acqua e del suolo ticinese

    • 15.02.2024
    • 11:05
  • Dossier: “Suolo e cemento” (5./5)

    Con l’attivista di Global Witness, Giulia Bondi

    • 16.02.2024
    • 11:05

Ti potrebbe interessare