Roberto Freak Antoni
Roberto Freak Antoni

Freak Antoni ad Anime salve

Un programma presentato da chi la musica la ama, la suona, la scrive.

ANIME SALVE
Da sabato 20 aprile a sabato 18 maggio 2013 alle 15:00

Per trentacinque anni è stato cantante, paroliere, leader e frontman di un gruppo che ha segnato la storia sotterranea del rock italiano (i bolognesi Skiantos), inventore del genere cosiddetto "demenziale" (rock ad alto volume e poesia surreale), autore di svariati libri (alcuni dei quali dai titoli illuminanti: "Non c'è gusto in Italia ad essere intelligenti (seguirà il dibattito)", "Per sopravvivere alla tossicodipendenza: manuale di prevenzione", "Badilate di cultura", "Mia figlia vuole sposare uno dei Lunapop (non importa quale)", o "Non c'è gusto in Italia ad essere dementi (ma noi continuiamo a provarci lo stesso)”, dj radiofonico, attore, performance artist, pubblicista, membro riconosciuto del Collegio italiano di Patafisica, cabarettista, e un'infinità di altre attività e autoattribuzioni da lasciare - è il men che si possa dire - spaesati.

Classe 1954, Roberto "Freak" Antoni si è laureato al DAMS di Bologna con una tesi sui quattro baronetti di Liverpool, poi pubblicata sotto il titolo di "Il viaggio dei cuori solitari: temi fantastici sulle canzoni dei Beatles". "Freak" Antoni è sicuramente una delle figure più anomale e vulcaniche della scena musicale alternativa della vicina penisola. Cresciuto sulla scena artistica e culturale della Bologna di metà anni '70, amico di gente come Pier Vittorio Tondelli e Andrea Pazienza, per anni ha tentato - a suo dire invano - di diffondere il verbo del rock demenziale con il gruppo degli Skiantos. Lo scorso anno, dopo trentacinque anni di militanza nel gruppo (o, per dirla con le sue parole, di "grande, clamoroso e reiterato insuccesso"), ha deciso di smettere per dedicarsi a un nuovo progetto musicale con la Freak Antoni Band.

Lo abbiamo invitato nei nostri studi per un ciclo di Anime salve, lasciandogli - è la regola e, a nostro avviso, il bello del programma - libertà assoluta nelle scelte musicali. Ci ha dunque parlato di tutte le sue passioni, a cominciare proprio dagli amatissimi Beatles, passando (e non poteva essere altrimenti) per il punk - Sex Pistols su tutti - ma anche per Erik Satie, Maria Callas, i Rolling Stones, il beat italiano (I Corvi, l'Equipe 84), Sergio Caputo, Fred Buscaglione, gli Who e molti altri. Ne è uscito un autoritratto in musica in cui l’ironia sposa una visione surreale e dissacrante della realtà. Un viaggio che racconta una storia di passioni concomitanti e mai scontate, un modo diverso di porsi nei confronti del fatto artistico e della cultura in genere. Un’unica avvertenza: allacciate le cinture!

Corrado Antonini                                  

 

I titoli delle puntate:

20 aprile: La rabbia soffice

27 aprile: L’insoddisfazione

04 aprile: La crisi

11 maggio: La puntata del rovescio

8 maggio: Titubanze turbolente (o dell’incertezza)

Ora in onda Cultura oggi In onda dalle 18:15
Brani Brani in onda Talkin' about J.C. - Grant Green Ore 18:23