Ivan Talarico (4./5)

Assurdo, di Sergio Albertoni

Nato a Lecco nel 1981, il nostro ospite non è propriamente un vicino di casa, visto che vive la sua infanzia in Calabria, dove prende lezioni di piano ed impara a suonare la chitarra da autodidatta iniziando da subito a scrivere canzoni, per poi trasferirsi a Roma. Ecco, da qui in poi conviene lasciar spazio alla sua brevissima autobiografia, che riportiamo integralmente: “Ivan Talarico, cantautore, poeta, teatrante, ha pubblicato due libri di poesie con Gorilla Sapiens Edizioni, è stato ospite al Premio Tenco, vincitore e miglior testo a Musicultura. Ha scritto e interpretato cinque spettacoli teatrali con la sua compagnia “DoppioSenso Unico” e numerosi reading con lo scrittore Claudio Morici, portandoli in scena in molti teatri e spazi italiani. Il suo ultimo concerto “Il mio occhio destro ha un aspetto sinistro” ha debuttato al Teatro Vascello registrando un sold out ed è stato in tour in tutta Italia. A maggio 2019 è uscito il suo primo disco, “Un elefante nella stanza”, per l’etichetta Folkificio. Nel tempo libero scioglie ghiacciai a scopo ludico”.

Che dire di più? Meglio stare ad ascoltarlo, e come sempre fanno i nostri ospiti non si limiterà a proporci la musica alla quale si sente più intimamente legato, ma suonerà e canterà solo per noi.