Colpo di scena

Il disastro di San Paolo

Testo e regia di Flavio Stroppini

  • 22 aprile, 13:30
  • Radiodrammi
disastro_di_San_paolo.jpg

COLPO DI SCENA
Da lunedì 22 a venerdì 26 aprile 2024 alle 20:00

Con: Procuratore: Claudio Moneta, Segretaria: Anahì Traversi, Orelli Emilio, il commesso di stazione di Ambrì Piotta: Igor Horvat, Minazzoli Federico, lo scambista di San Paolo: Matteo Carassini, Totti Angelo, l’altro scambista di San Paolo: Davide Garbolino, Ottini Giuseppe, il deviatore di Claro: Massimiliano Zampetti, Ruegg Fritz, il capostazione Biasca: Mario Cei, Buffi Carlo, il macchinista del 51B: Alessandro Castellucci
Testo e regia di Flavio Stroppini
Produzione: Francesca Giorzi (RSI 2014)

Riascolta qui il disastro di San Paolo

  • Il disastro di San Paolo (1./5)

    Colpo di scena 22.04.2024, 13:30

  • Il disastro di San Paolo (2./5)

    Colpo di scena 23.04.2024, 13:30

  • Il disastro di San Paolo (3./5)

    Colpo di scena 24.04.2024, 13:30

  • Il disastro di San Paolo (4./5)

    Colpo di scena 25.04.2024, 13:30

  • Il disastro di San Paolo (5./5)

    Colpo di scena 26.04.2024, 13:30

La mattina del 23 aprile 1924, verso le 02:30, alla stazione di smistamento di S. Paolo, presso Bellinzona, 2 treni rimorchiati da due locomotive si scontrarono. Il disastro causò 15 morti e molti feriti.

Ricordo quando ho visto la scatola. Di cartone, tenuta assieme da nastri adesivi ferroviari di una ventina d’anni fa. In un angolo, a penna la scritta: “Colui che apre questa scatola sappia di aprire uno scrigno del tempo. Nessuno perda un solo documento che vi è contenuto.” L’ho aperta e dentro: perizie, fotografie, verbali, articoli di giornale, appunti di avvocati, elenchi di materiali e resti umani, circolari, telegrammi, orari ferroviari, lettere … Tutto il materiale di quel disastro era disordinatamente catalogato in quell’archivio improvvisato. È così che è nato il radiodramma. Bisognava restituire quella storia, farla rivivere, non farla dimenticare. Raccontare è anche restituire un pezzo di memoria alla popolazione. Sì, è questo un senso. Restituire la propria storia, le proprie storie.

Interpreti:

Ti potrebbe interessare