I
I "Tre Grandi": Winston Churchill, Franklin Delano Roosevelt e Stalin, durante la conferenza di Yalta del febbraio 1945, dopo l'apparente accordo durante gli incontri in Crimea, i tre capi di stato ebbero forti divergenze riguardo ai colloqui segreti con i nazisti in Svizzera. (wIKIPEDIA)

L’alba del giorno prima - Operazione Sunrise

di Cesare Ferrario

Da lunedì 30 marzo all’24 aprile 2020 alle 13:30

"Dalle rive del Lario a quelle del Ceresio le tragiche ed eroiche vicende che hanno portato alla fine della seconda guerra mondiale"

Ne L'oro di Dongo Cesare Ferrario ha raccontato la lotta per la liberazione e la sconfitta della dittatura, nella nuova produzione Operazione Sunrise narra la resa. Molti sono i reali personaggi storici che si muovono sullo sfondo degli avvenimenti tra i quali spiccano due importanti personaggi  svizzeri (forse troppo negligentemente dimenticati) che assurgono al ruolo di autentici protagonisti ed eroi: il grande pedagogo Dottor Max Husmann e il Maggiore Max Waibel. Furono loro i veri artefici delle trattative per la resa incondizionata di ben ottocentomila nazisti che salvò il nord Italia dalla catastrofe. Un prodigio che nacque dalla neutrale Svizzera e che ebbe il suo inizio proprio sulle rive del Ceresio.

Tutti i personaggi agiscono in un "mondo-teatro" stravolto e annichilito dall'orrore della guerra, a volte sembrano apparire incapaci  di sostenere il ruolo che la Storia ha loro affidato per strano destino. Un sottile "fil rouge" li lega, un "testimone",  un personaggio di pura invenzione drammaturgica: Nadia Keller (interpretata da Stefania Patruno) una giovane donna, anch' essa svizzera, che lavora per l'Office of Stategic Service, i servizi segreti  americani con sede a Berna. La sua avventura comincia quasi per gioco, senza ideali precisi se non quelli  di mantenere la sua stessa libertà, nel piccolo paese alpino nel cuore di quell' Europa allora divisa dalla cultura dei regimi totalitaristici che negavano ogni forma di individualità come espressione della libera scelta. E' in quel mondo, in quella epopea che Nadia Keller scoprirà la propria umanità senza più le lenti deformanti della sua stessa cultura borghese, il suo essere donna in una guerra comandata e agita dagli uomini e che relegava il sesso femminile al ruolo di infermiera o a una "cosa" destinata al massimo al "riposo del guerriero". E sarà proprio lei a condurre l'ascoltatore, attraverso il potere evocativo della parola, nella evoluzione delle diversificate trame, dentro e fuori la Storia.

Tre sono state le fasi che hanno portato a compimento quest' opera che si sviluppa in quasi dieci ore di emissione: 

- La prima: le pazienti, minuziose e dettagliate ricerche compiute dal Professor Giampaolo Tarzi, una griglia sicura  su cui poi costruire  personaggi e una drammaturgia che permette di non concedere nulla all' errore  storico mantenendo inalterato il senso della "fiction" destinata ad un pubblico vasto ed eterogeneo.
- La seconda: il lavoro di regia in studio con gli attori, appassionato, ricco di creatività e dove, accanto a professionisti di comprovate capacità  si sono aggiunti molti giovani che hanno ben saputo essere all' altezza dei ruoli che sono stati chiamati ad interpretare.
- La terza fase (sicuramente la più fantasiosa): l'editing e la sonorizzazione fatta insieme a quell' infaticabile paladino della perfezione che é Angelo Sanvido, con la ricerca e la cura  del rumore adeguato, del dettaglio,  del suono nei differenziati ambienti. L’uso della tecnica di registrazione binaurale (3D) e la scelta dei sapienti e incisivi commenti musicali hanno creato quella fascinazione d'ascolto di cui  il lavoro è pieno in ogni suo momento. Parole, voci, suoni dunque restituiranno quelle vicende che appartengono a un passato relativamente recente ma che - così è negli intendimenti - devono restare (e appartenere) alla memoria collettiva. In un mondo forse troppo sovraccarico di immagini la formula del radiodramma si propone, come sempre, di stimolare e di esaltare la potenza dell' immaginazione dell' ascoltatore, cercando di colpire "ex aequo" cuore e cervello.

Ora in onda Tenera è la notte In onda dalle 0:40
Brani Brani in onda Slick - Something Blue Ore 0:25