"Distanze, Orizzonti, Infinito"

di Marco Pagani

È questo il titolo di un calendario poetico appena uscito, che vede al suo interno gli scatti della fotografa Margherita Lazzati e una selezione di poesie scritte dai detenuti del carcere di Opera, alle porte di Milano: la più grande struttura penitenziaria d’Italia, dotato di un laboratorio di scrittura creativa che ha da poco compiuto i 25 anni. Il calendario contiene riflessioni sui limiti alla libertà, sulla distanza, sul confinamento, ad opera di persone per le quali il lockdown si chiama semplicemente “pena”. Uno strumento prezioso di riflessione per il presente nel quale siamo immersi. La prefazione dell’opera è affidata alla poetessa giornalista Anna Maria di Brina, che ce ne parla.

Ora in onda Il concerto.ch - Musiche di: Igor Stravinsky In onda dalle 9:35
Brani Brani in onda Cervencove Rano - Marta Kubisova & Waldemar Matuska Ore 8:48