Biblioteca a Görlitz, Germania (iStock)

Storie per sopravvivere

di Letizia Bolzani

Geronimo filosofia
Martedì 02 maggio 2017 alle 11:35
Replica alle 23:33
Replica sabato 06 maggio 2017 alle 09:00

 

La capacità di costruire storie è nata con l’uomo e lo accompagna lungo tutta la sua vita. Anzi, probabilmente è anche grazie alla sua capacità narrativa che l’essere umano vive e sopravvive. Perché le storie –create e fruite- gli danno un vantaggio evolutivo. “La letteratura necessaria”, recita il sottotitolo del saggio di Michele Cometa, intitolato “Perché le storie ci aiutano a vivere” (Raffaello Cortina Editore): la letteratura è dunque una vera e propria necessità biologica, utile alla sopravvivenza di Homo Sapiens. Quello di Cometa è un saggio importante, perché per la prima volta viene proposta al lettore di lingua italiana una riflessione teorico-letteraria articolata basata sulla biologia, sull’evoluzionismo e sulle scienze cognitive. Una riflessione nella quale le scienze umanistiche, letterarie e filosofiche, vengono collegate alle scienze del bios. Per capire, grazie all’interazione di letteratura e biologia, che la vita come immediatezza biologica è interdipendente dalla vita raccontata.

Michele Cometa, docente di Storia comparata delle culture e Cultura Visuale all’Università degli Studi di Palermo, sarà l’ospite di questa puntata.

Ogni centesimo conta

Seguici con