Due paesi, due bandiere...
Due paesi, due bandiere... (iStock)

La frontiera svizzera vista dall’Italia

di Alessandro Bertellotti

GERONIMO
Storia e memoria
Lunedì 22 ottobre 2018 alle 11:35
Replica alle 23:33
Replica domenica 28 ottobre 2018 alle 08:35

Le popolazioni residenti sulle montagne alpine sono state per secoli unite da culture, tradizioni e stili di vita comuni. La demarcazione imposta dalla frontiera non è mai esistita o non è mai stata percepita dai residenti. Le Alpi insomma erano luogo d’incontro, comunicazione, scambio e transito di merci. Solo la nascita degli stati moderni porta a tracciare frontiere sulle carte e sul territorio. Osservando queste linee da una prospettiva differente da quella svizzera, ovvero osservando le frontiere settentrionali dell’Italia, si comprendono facilmente sia la complessità etnica, sociale e anche religiosa del mondo alpino, sia il differente rapporto tra governati e governanti, sia infine la delicata questione dell’identità nazionale. Il modo di delimitare la frontiera tra Italia e Svizzera è differente da quello che ha portato alla definizione della frontiera tra Italia e Austria. E questo porta oggi alla nascita di nuovi nazionalismi e movimenti favorevoli alla chiusura delle frontiere.

Con Roberto Roveda, storico e ricercatore, autore con Michele Pellegrini di “Il confine settentrionale, Austria e Svizzera alle porte d’Italia.

Ora in onda Voi che sapete... In onda dalle 14:32
Brani Brani in onda 2. Lento - Allegro molto - Cellokonzert e-Moll op. 85 - Simon Rattle; DIR / The London Symphony Orchestra; ENS / Sheku Kanneh-Mason; SOL Ore 14:20