Il giardino di Albert

La natura plastica, ovvero: organismi in crisi di identità

Rete Due, sabato 13 settembre, 18:00

  • 13 September 2014, 18:00
  • NATURA
  • SALUTE
  • Ambiente
iStock_dna_corpo_umano.jpg
  • iStock

Tanta fatica, nel corso di una vita intera, per costruirsi una propria identità, per poi scoprire che di fatto nessuno di noi ne ha una sola! Almeno dal punto di vista biologico: il concetto stesso di identità unica e immutabile, infatti, sembra avere poco senso in natura. Anzi: è proprio nel continuo cambiamento di identità che si fonda, nella sua essenza biologica, la vita. Cellule della pelle e del sangue diventano cellule embrionali, topi femmine diventano topi maschi (e viceversa), individui di una specie ne “indossano” un’altra: è il concetto di plasticità, di possibilità di mutamento, contrapposto a quello di identità, a caratterizzare la Natura. Un processo da cui non si può prescindere quando si ha a che fare con gli organismi viventi. Uomo compreso.

È quanto argomenta, con autorevolezza scientifica abbinata a una grande capacità divulgativa, Gianvito Martino – neurologo e direttore della Divisione di Neuroscienze del San Raffaele di Milano – nel libro In crisi di identità. Contro natura o contro la natura? (Mondadori). Ce ne parla lo stesso Martino nella puntata del Giardino di Albert di sabato 13 settembre 2014.
Clara Caverzasio

La natura plastica, ovvero: organismi in crisi di identità

Il giardino di Albert 12.09.2014, 16:49

Ti potrebbe interessare