(iStock)

StatisticAll: fare i conti con un mondo complesso

a cura di Clara Caverzasio e Marco Motta

Il giardino di Albert
Sabato 26 settembre 2015 alle 18:00

Replica domenica 27 settembre alle 10:35

 

I dati che dimostrano l'efficacia di una sperimentazione clinica, il calcolo complesso delle pensioni in una popolazione che invecchia, le probabilità piccolissime del gioco d'azzardo, le statistiche impiegate per aumentare le performance nel mondo sportivo. Siamo circondati da dati, statistiche, probabilità che toccano molti aspetti della nostra vita quotidiana: alla cassa del supermercato quando esibiamo la carta fedeltà, quando facciamo una ricerca su internet, quando valutiamo polizze assicurative o tassi d'interesse su un credito. Dietro tutto questo ci sono algoritmi statistici o studi demografici.

“Diffondere la cultura e la passione per queste discipline è quindi divulgare un modo ragionato di guardare al reale, che può aiutare a capire i meccanismi sempre più complessi, ma molto affascinanti, della nostra società, valutando in modo critico le informazioni che ogni giorno ci vengono proposte”.

È quanto si è riproposto di fare StatisticALL, il primo Festival della Statistica (e della demografia) promosso dalla Società italiana di Statistica e dall'Istituto nazionale di statistica che si è svolta nelle piazze e nelle sale affrescate del cuore medievale di Treviso. Lo ha seguito per noi Marco Motta che nel Giardino di Albert di sabato 26 settembre ci propone un racconto a più voci del festival, a cominciare dal presidente della società italiana di statistica Nicola Torelli. Con lui, il neuroscienziato Gianvito Martino del San Raffaele di Milano, lo statistico dell'università di Bologna Furio Camillo, il matematico Nicola Parolini del Politecnico di Milano e il chimico e scrittore giallista Marco Malvaldi.

Un Guardiacaccia in arrivo...

Seguici con