Iyer-May, Oh-Sorey: "Uneasy" (ed. ECM, 2021)

di Paolo Keller

Vijay Iyer, statunitense di origine indiana e pianista tra i più in vista dell’ultima generazione, ritrova la sua formazione prediletta, il trio, con una nuova line-up. Al posto di Stephen Crump e Marcus Gilmore, che l’avevano accompagnato per diversi anni e con i quali aveva raggiunto alti livelli artistici, qui troviamo Linda May-Oh e Tyshawn Sorey rispettivamente al contrabbasso e alla batteria.

Il repertorio è costituito da nuovi brani e da composizioni che il pianista ha scritto negli ultimi 15 anni. In scaletta anche una ripresa liberamente trattata del classico Night & Day.

Il titolo "Uneasy", che possiamo tradurre con inquieto o scomodo, vuole esprimere, secondo le parole dello stesso Iyer, il disagio dei tempi che viviamo. L'immagine in copertina della Statua della Libertà, fotografata in lontananza e che sembra andare alla deriva, è significativa in tal senso.