"Artlessly Falling" di Mary Halvorson’s Code Girl; Firehouse 12 (dettaglio copertina) (firehouse12records.com)

Mary Halvorson’s Code Girl: “Artlessly Falling” (Ed. Firehouse 12)

di Paolo Keller

Gli anni 2000 hanno visto nell’ambito del jazz contemporaneo la rapida crescita artistica di Mary Halvorson. Nata nel 1980, chitarrista originaria di Boston, la Halvorson si è messa in luce per una progettualità sempre viva, dove mescola la sua conoscenza del jazz e della musica contemporanea a influenze rock e folk. Il progetto Code Girl è uno degli ultimi in ordine di tempo nel lungo elenco di produzioni discografiche realizzate ad oggi. “Artlessly Falling” è il secondo album di questa formazione con la quale ha sviluppato una nuova vena compositiva, in questo caso avvicinando la poesia (tutti i brani hanno un testo) e la forma-canzone alle complesse strutture armoniche, melodiche e ritmiche della leader.

Del gruppo fanno parte Adam O'Farrill (tromba), Michael Formanek (contrabbasso), Tomas Fujiwara (batteria), Amirtha Kidambi (voce), Maria Grand (sax tenore e voce). Spicca in tre brani la presenza della inconfondibile voce di Robert Wyatt - leggendaria figura del jazz, del rock e del progressive britannico - al quale le melodie “circolari” della Halvorson sembrano adattarsi perfettamente.

Ora in onda La corrispondenza In onda dalle 7:05
Brani Brani in onda Busy line - Rose Murphy Ore 7:01