Incontro con Matteo Silva (4./4)

di Christian Glardi

Matteo Silva è etnomusicologo, curatore di prestigiose collane musicali per alcuni colossi dell’editoria e produttore di un infinito numero di progetti musicali spalmati lungo il corso degli anni, soprattutto con l’eticehetta discografica Amiata Records. Nato a Ulma in Germania, e cresciuto a Montagnola, Matteo Silva ha studiato composizione al conservatorio Giuseppe Verdi di Milano con Niccolò Castiglioni e filosofia a Ca' Foscari, Venezia, con Emanuele Severino. Per le case discografiche Wergo, Naïve Records e Amiata Records ha prodotto oltre 180 dischi negli USA, in Germania, Francia e Italia e soprattutto in Asia. Tra gli artisti prodotti: Arvo Pärt, Terry Riley, Steve Reich, Sainkho, Ustad Nishat Khan, i Fratelli Mancuso, le Faraualla, Sangita Badhyopadhnay, Michael Vetter, Hans Otte, Gabin Dabiré, il Club Musical Oriente Cubano, Chögyal Namkhai Norbu, i monaci del monastero Tibetano di Sera, i Bauls del Bengala.

L’incontro realizzato da Christian Gilardi è una lunga intervista, in quattro parti, che ripercorre la carriera di Matteo Silva, attraverso i suoi racconti sui musicisti, i viaggi e le passioni ma soprattutto la musca che questo produttore ha registrato in più di trent’anni di attività.