Pianoforte (iStock)

Vi racconto il mio Rossini

Incontro con il pianista Alessandro Marangoni, di Giovanni Conti

Dopo 10 anni giunge a compimento il progetto monumentale di Alessandro Marangoni, l’incisione integrale dei Péchés de Vieillesse di Gioachino Rossini, inclusi 20 inediti ritrovati dall’artista fra "Fondazione Rossini" e collezioni private.

Profeta  dell’idea della musica come motore di “uno sviluppo olistico della personalità a supporto di ogni comunità complessa” Alessandro Marangoni è pianista di ricerca, sin da giovanissimo devoto a repertori rari trasversalmente ai secoli, riscopritore di inediti dimenticati, ma anche virtuoso nell’affrontare con coraggio vere sfide di quell’atletismo artistico che chiedono alla comunione di corpo e pensiero. «Da dieci anni mi occupo quotidianamente di Rossini, è incredibile che si sia ritirato all’apice della sua carriera, un silenzio assordante ma non per lui che nella sua villa di Parigi scrisse solo per sé oltre 200 pezzi pianistici e tanto altro. Quando ho preso in mano questi peccati di vecchiaia ho scoperto un grande uomo, il grande cuore di una professionalità geniale, che confessava i suoi peccati al pianoforte con l’autoironia e la sincerità di chi ha vissuto in pienezza. In questi dieci anni è diventato un amico e con le note mi ha insegnato a vivere con gioia».

Esce in questi giorni il suo cofanetto di 13 cd, impresa artistica di cui Marangoni parlerà nel dettaglio al microfono di Giovanni Conti.

Ora in onda Radio svizzera classica In onda dalle 1:30
Brani Brani in onda Peace On Earth - Denys Baptiste Ore 1:53