Il mito d’Orfeo (1./2)

di Giuseppe Clericetti

®

Nel momento più rivoluzionario della nostra storia della musica, tra Cinque e Seicento, nasce l’opera in musica, attraverso le meravigliose invenzioni del basso continuo, del recitar cantando, della concertazione: il melodramma ha bisogno un racconto che giustifichi il canto anziché la recitazione, e sceglie il mito di Orfeo ed Euridice, soggetto di parecchie rappresentazioni degli esordi, di Peri, Caccini, Monteverdi, Belli, Landi, Rossi… In due puntate del “Paese dei Barocchi” incontriamo il cantore per antonomasia, colui che sapeva ammansire uomini, belve e sassi.

Prima emissione lunedì maggio 2022