Marinella Savino, La sartoria di via Chiatamone, Nutrimenti editore (dettaglio copertina) (www.nutrimenti.net/)

Marinella Savino e la storia di Carolina nella Napoli del 1938

A cura di Rossana Maspero

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

 

Marinella Savino, finalista al premio Calvino (il più prestigioso riconoscimento per gli esordienti), è in libreria con La sartoria di via Chiatamone, pubblicato da Nutrimenti editore: si tratta di un breve quanto denso romanzo che ripercorre la vita, gli espedienti e la caparbietà di una donna (Carolina) che in una Napoli occupata dai nazifascisti, riesce nell'ardua impresa di portare in salvo se stessa, la sua numerosa famiglia e la famiglia dell'amica Irene; tutti troveranno rifugio a casa sua in Via Chiatamone dove Carolina ha aperto una sartoria e dove con grande pragmatismo determinazione e lucidità la stessa elabora un piano che salverà tutti trasformando la sua cantina in un bunker alimentare.

È la storia di una donna indomita e indomabile, di talento, pragmatica, e imprenditrice: modernissima per quei tempi e che vede nel lavoro e nell'autonomia che ne consegue la vera libertà, anche quella di salvare gli altri: famiglia, figli, sorelle, amiche e mariti compresi.

La puntata si chiude con la consueta proposta per i più piccoli di Letizia Bolzani, Il principe della gioia, di Gek Tessaro.