Massimo Carlotto e "La signora del martedì"

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

 

Massimo Carlotto è tra gli scrittori più popolari e più amati dal pubblico dei lettori. Scrittore fertile, Carlotto ha una bibliografia sterminata e -tra i tanti- ha avuto il pregio di riportare in auge il noir mediterraneo raccontando derive, ombre e inquietudini della società contemporanea.

Questa volta però ci offre un’occasione diversa con il recente “La signora del martedì” pubblicato dalle edizioni e/o.

Al centro del romanzo ci sono tre personaggi: Bonamente Fanzango, attore porno in disarmo dal nome improbabile e che un ictus ha fermato nella sua ormai discendente carriera, il Signor Alfredo, un travestito dal passato complicato, proprietario della pensione Lisbona, così chiamata in memoria di amori e tempi passati dove Fanzango attende ogni martedì Alfonsina Malacrida -la Signora del titolo e Nanà per chi la conosceva in passato- a cui tende i suoi servigi di gigolò.

Tre personaggi irregolari, che la vita ha maltrattato e il cui passato torna risvegliando spettri e conti in sospeso.

Tre personaggi teneri, sul crinale tra lecito e illecito che in comune hanno la fragilità e il bisogno d’amore da un lato, e lo scontro con una società crudele che li mette all’angolo dall’altro.

La puntata si chiude con la consueta proposta per i più piccoli di Letizia Bolzani, Omaggio a Pinin Carpi a 100 anni dalla nascita.