Il convegno è organizzato dalla CORSI con il Forum per l'italiano in Svizzera. (iStock)

I media del servizio pubblico e la lingua italiana: l’offerta di cultura italofona è sufficiente? (3./3)

Dibattito a cura di Antonio Bolzani, in conduzione Elena Caresani

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Quanto è importante il servizio pubblico dei media nella promozione e nella valorizzazione della cultura italofona in Svizzera? Come viene valutata l’offerta della SSR in italiano? La RSI valorizza e promuove abbastanza la cultura italofona in Svizzera? Si potrebbe fare di più? Sono alcune delle tante domande che poniamo agli ospiti della puntata odierna del nostro dibattito che prende spunto sia dalla pubblicazione del rapporto La posizione dell’Italiano in Svizzera: uno sguardo sul periodo 2012-2020 attraverso alcuni indicatori, commissionato dal Forum per l’italiano in Svizzera, sia da un Convegno, organizzato dalla CORSI il prossimo 7 maggio a San Gallo, dedicato all’italofonia e al ruolo del servizio pubblico dei media di lingua italiana. Sarà l’occasione per approfondire il ruolo e la posizione dell’italiano nella sua fruizione mediatica, oltre che nell’Amministrazione federale e in contesti di appartenenza come lavoro e tempo libero. Noi oggi ci vogliamo concentrare proprio sulla diffusione della lingua italiana nella Svizzera tedesca e in Romandia, dove risiedono oltre la metà degli italofoni nel Paese che costituiscono circa l’8 per cento della popolazione totale. Fari puntati, quindi, sulla comunità italofona e sul ruolo del servizio pubblico dei media nella società civile come veicolo di diffusione, di promozione e di valorizzazione della lingua e della cultura italiana. In questo ambito un posto di rilievo spetta anche ai docenti di italiano e alle cattedre di italianistica per quanto riguarda la costruzione e il consolidamento del plurilinguismo elvetico. Scoprire le attese del pubblico italofono nei confronti della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana e più in generale della SSR serve per riflettere sull’immagine che fornisce l’azienda alle e agli utenti. La lingua italiana rappresenta infatti un'importante fonte di ricchezza culturale per la Svizzera e la cultura italiana offre un contributo sostanziale alla coesione e all'identità del Paese. Partiamo allora da queste considerazioni per fare il punto alla situazione su come e su quanto il servizio pubblico dei media riesce a farsi seguire efficacemente e con successo in tutte le regioni svizzere.

Ne parliamo con:
Luigi Pedrazzini
, Presidente CORSI
Diego Erba, coordinatore del Forum per l’italiano in Svizzera
Prof.ssa Eleonora Rothenberger, docente all’Alta Scuola Pedagogica del Turgovia e alla Scuola Cantonale am Burggraben di San Gallo e membra della Società Dante Alighieri di San Gallo
Danilo Nussio, direttore di ecomunicare.ch e membro del Consiglio regionale (CR) della CORSI
Rosanna Margonis-Pasinetti, membra di comitato dell’Associazione Svizzera dei Professori e delle Professoresse d’Italiano