(iStock)

Sono più tranelli che illusioni!

Con Isabella Visetti

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

“Scegli la cosa giusta, usa la razionalità”: quante volte abbiamo detto o ci hanno detto questa frase? Siamo sempre convinti di prendere decisioni razionali e di scegliere il meglio, ma spesso ciò non accade perché le nostre decisioni sono “inquinate” da quelli che gli esperti chiamano “bias cognitivi”, delle distorsioni del pensiero, capaci di influenzare la nostra percezione della realtà e le nostre valutazioni. Le nostre scelte risultano così sbagliate e irrazionali, ma il peggio è che in questo tranello tendiamo a ricaderci.

Questa modalità di funzionamento del nostro cervello ha però anche dei risvolti positivi, perché sono delle scorciatoie che ci permettono di scegliere velocemente, in modo economico e conveniente. Questo sistema è stato utile in passato per assicurare la sopravvivenza agli esseri umani che potevano reagire in fretta per mettersi in salvo dai pericoli quotidiani, ma forse non è più quello più adatto per affrontare la complessità dei nostri giorni. E allora cosa possiamo fare per sfuggire a queste trappole del pensiero? Quali sono le ricadute dei bias cognitivi dal piano individuale a quello sociale?

Ne discutiamo a Millevoci con:
Sara Garofalo
, ricercatrice all'Università di Bologna nell'ambito delle neuroscienze cognitive, autrice del libro “Sbagliando non s’impara” (Il Saggiatore)
Daniela Ovadia, giornalista e divulgatrice scientifica, con una formazione in medicina e neuropsicologia cognitiva
Sebastiano Caroni, sociologo e antropologo