(iStock)

Avenches: prima civitas dell'Elvezia romana

a cura di Elizabeth Camozzi

  • Stampa
  • Condividi
  • a A
 

Nell'ottica di un'estate post-pandemica, in cui si privilegerà la riscoperta nazionale, proponiamo una serie di viaggi ad hoc per conoscere e rivivere la Svizzera e, in particolare, alcuni borghi che punteggiano la nostra storia.

Iniziamo da Avenches, che fu la principale città dell'Elvezia romana, fondata all'inizio del I secolo dell'era cristiana. Anticamente nominata Aventicum, oggi è un Comune del Canton Vaud, nel distretto della Broye-Vully, in cui si respirano oltre duemila anni di vita, di storia e di fusione, anche culturale.

(iStock)

Un villaggio che a fine 1700, per la sua importanza e bellezza, rientrò anche nel progetto portato avanti dal barone zughese Beat Fiedel Zurlauben, intitolato Voyage Pittoresque o Tableaux de la Suisse: un'opera mastodontica che consta di centinaia di scritti e di tavole incise su rame per mostrare la Svizzera al tempo dell’Antica Confederazione.

Riscopriamo Avenches con lo storico Francesco Cerea, direttore culturale dell'Associazione I Borghi più belli della Svizzera, della quale il Comune fa parte dal 2017.