Zugo, il più piccolo del Corpo Elvetico

a cura di Elizabeth Camozzi

venerdì 08/03/19 09:05

La città di Zugo, fu fondata dai Conti di Kyburg all'inizio del tredicesimo secolo in un punto strategico: affacciata sul lago e protetta dal monte che portano il suo stesso nome, ideale quindi per il  mercato e per il commercio, che furono proprio il motore del suo grande sviluppo.

 

Per quanto riguarda il Canton Zugo, al tempo dell'Antica Confederazione, era annoverato come quello più piccolo del Corpo Elvetico. Da sempre è un caso unico nel panorama della storia svizzera, per la sua politica e per la sua costituzione, in un continuum conflittuale tra la realtà cittadina e quella rurale, poiché entrambe in possesso di diritti e di poteri politici. Un patriziato costituito, quindi, da famiglie abbienti che risiedevano sia in campagna, sia in città; un patriziato di cui fece parte anche il barone Beat Fiedel Zurlauben, il quale a fine 1700 diede alle stampe il Voyage Pittoresque o Tableaux de la Suisse, una pubblicazione inestimabile che consta di centinaia di scritti e di tavole incise su rame che raccontano la Svizzera ai tempi dell’Antica Confederazione.

Immancabile, la raffigurazione del suo luogo natio.

Con Francesco Cerea, storico e direttore culturale dell’Associazione I Borghi più belli della Svizzera, ripercorriamo quindi la storia del Cantone e della città di Zugo, dagli albori fino ai giorni nostri. 

 

BUONO A SAPERSI:

- Centro storico

- Lungolago

- Zytturm (torre orologio e orologio astronomico)

- Municipio

- Colonnello Franz Letter

- Landsgemeindeplatz

- Dinastia Zurlauben

- Chiesa St. Osvaldo (Pulverturm)

- Castello di Zugo

- Museo di Belle Arti

- Usanze carnevalesche

Ogni domenica in prima serata: Storie

Seguici con
Altre puntate