calcio - le pagelle

Il miglior Belhadj e le parate salva vittoria di Saipi e Hajdari

Da Steffen mai una giocata decisiva

  • 3 December 2023, 18:23
  • 3 December 2023, 21:38
  • SPORT
hajdari

Il difensore numero 5 ha salvato sulla linea

  • Ti-Press
Di:Paolo Laurenti

SAIPI 5,5: finalmente autore di una parata da tre punti, quella su Dorn nella ripresa. Già in precedenza aveva dimostrato di avere riflessi attenti. Una delle migliori partite in bianconero.

ARIGONI 4.5: non rischia nulla, pulito negli interventi e nel finale ha ancora la forza di lanciarsi in avanti, peccato che Babic si addormenti invece di premiare il suo scatto.

MAI 5: dopo l’erroraccio di Bodo il tedesco si riscatta con una partita maiuscola.

HAJDARI 5,5: inizia con qualche (solito) errore di leggerezza in impostazione, ma poi sale di livello e con il salvataggio sulla linea allo scadere si guadagna mezzo punto in più.

CIMIGNANI 4,5: si sacrifica a tutta fascia e ha il merito di trovare in mezzo all’area l’autore del gol vittoria.

STEFFEN 3,5: dai suoi piedi non arriva mai una giocata decisiva, sembra anche meno grintoso del solito.

BELHADJ 5,5: forse la miglior partita da quando è a Lugano. Disciplinato a protezione della difesa, dosa anche la sua proverbiale irruenza e impreziosisce la prestazione con un gol ad alto coefficiente di difficoltà.

SABBATINI 4: lascia l’iniziativa della manovra ai compagni di reparto, lui riesce a dare equilibrio soprattutto nel primo tempo.

BISLIMI 4: distribuisce buoni palloni nei primi 45 minuti, prima di calare alla distanza. Logica la sostituzione.

MAHOU 4,5: si conferma tra i più propositivi, come a Yverdon, però gli manca ancora 30 per fare 31, ovvero, segnare.

VLADI 4: un colpo di testa a lato nel primo tempo e poi tanta lotta.

ESPINOZA 4: si limita a non commettere errori, aspetto fondamentale nel momento di maggior pressione degli avversari.

CELAR 4: prova ad aiutare la squadra “pulendo” qualche pallone.

MACEK 3,5: come Babic doveva amministrare meglio una delle tre ripartenze di fine ripresa.

BABIC 3,5: nel finale gestisce un contropiede nel peggiore dei modi, ricevendo le imprecazioni di tutto lo stadio.

DURRER 4,5: entra col giusto atteggiamento, fa sentire il suo fisico e risulta prezioso nelle diverse mischie in area del finale di gara.

CROCI-TORTI 5: il tecnico deve trovare l’ennesima soluzione per ovviare all’ennesima defezione (Hajrizi): difesa a 3 e Cimignani e Mahou sulle corsie. La squadra risponde trovando la prima vittoria dopo un impegno europeo. La fisiologica stanchezza accusata nel finale è compensata dal grande spirito di sacrificio e un pizzico di fortuna.

SL, il servizio su Lugano-Lucerna (Telegiornale 03.12.2023, 20h00)

  • 03.12.2023
  • 19:09

Correlati

Ti potrebbe interessare