CANOTTAGGIO

“La determinazione non rende le cose facili, le rende possibili”

Claire Ghiringhelli ha trovato nel canottaggio nuova linfa e sogna Parigi

  • 8 aprile, 13:26
  • 12 aprile, 23:24
  • SPORT
Claire Ghiringhelli

In allenamento

  • rsi.ch

Claire Ghiringhelli ha trovato nel canottaggio uno strumento per ritornare alla vita. “Non volevo praticare degli sport come basket o tennis in sedia - ha spiegato la 46enne locarnese, costretta in sedia a rotelle a causa di un’operazione ad un tumore che le ha danneggiato permanentemente la schiena - ma avevo bisogno di farne uno che mi permettesse di stare a contatto con la natura”.

Questo sport mi ha aiutato molto nella vita di tutti giorni, permettendomi di ritrovare nelle braccia una nuova forza

Ghiringhelli è la prima atleta paraplegica a difendere i colori rossocrociati nel canottaggio e potrebbe anche essere l’unica ticinese alle Paralimpiadi di Parigi. La qualificazione sarebbe dovuta arrivare ai Mondiali di Belgrado dello scorso anno, ma sfortunatamente non ha potuto gareggiare a causa di un trombo ad un braccio. “Ero prontissima per la qualificazione - ha detto la ticinese nata in Francia - inoltre sarebbero anche stati i miei primi Campionati Mondiali e non vedevo l’ora di vivere certe emozioni”. Fortunatamente per la paratleta c’è ancora la speranza di strappare un biglietto per Parigi, giocandosela agli Europei in Ungheria o infine alla Rotsee di Lucerna.

Canottaggio, il servizio su Claire Ghiringhelli (La Domenica Sportiva 07.04.2024)

RSI Altri sport 07.04.2024, 20:35

Correlati

Ti potrebbe interessare