Monaco 1972,
Monaco 1972, "the Games must go on"

Avery Brundage, sempre dalla parte sbagliata

L'ex presidente del Comitato Olimpico Internazionale ha segnato lo sport del Novecento

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

di Marcello Ierace

Le medaglie tolte dal collo dell’indiano Jim Thorpe nel 1912. Il supino avallo alle Olimpiadi naziste del 1936. La cacciata dal villaggio olimpico di Tommie Smith e John Carlos a Città del Messico nel 1968. Il "the show must go on" imposto dopo il massacro di Monaco 1972. Pagine buie della storia dei Giochi Olimpici. Momenti da ricordare anche se si vorrebbero dimenticare. Vicende legate da un filo, da un uomo che ha pesantemente influenzato lo sport del Novecento, capace, a volte, con singole e precise scelte di campo, anche di cambiare il corso della storia. Il nome di quest'uomo è Avery Brundage.

Playlist
Smells like teens spirit - Malia J, 4'05” (Original)
Sole Silenzioso - Subsonica, 4'30” (EMI)

Condividi