La svedese celebra la canadese
La svedese celebra la canadese (Keystone)

La Sjöström cede il suo regno alla MacNeil

Un nuovo record svizzero non basta alla Mamié nelle semifinali dei 100m rana

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

Nuova grossa sorpresa ai Mondiali di nuoto in corso a Gwangju. Dopo la vittoria di ieri di Ariarne Titmus sulla dominatrice dello stile libero Katie Ledecky, oggi è toccato alla canadese Margaret MacNeil detronizzare una regina. Sui 100m farfalla la 19enne ha battuto la svedese Sarah Sjöström, campionessa olimpica e quattro volte iridata. Sul podio le due atlete, insieme al bronzo Emma McKeon, hanno poi lanciato un messaggio di incoraggiamento a Rikako Ikee, giovane stella giapponese del nuoto cui è stata recentemente diagnosticata la leucemia.

Nessun problema sui 200m misti per Katinka Hosszu: l'ungherese ha conquistato il quarto titolo consecutivo nella specialità. Per la Svizzera, non è bastato il terzo record nazionale di giornata a Lisa Mamié per staccare il biglietto per la finale dei 100m: la zurighese ha fermato il cronometro dopo 1'07"11, ovvero 19 centesimi in meno rispetto al limite stabilito nelle batterie.

In campo maschile Adam Peaty si è confermato, dopo il record mondiale fatto registrare la vigilia, dominatore dei 100m rana, andando a conquistare agevolmente il titolo. Sui 50m farfalla l'americano Caeleb Dressel ha colto il secondo oro della rassegna, dopo quello dei 4x100m stile libero. Il sette volte iridato di Budapest ha preceduto Oleg Kostin e il 39enne brasiliano Nicholas Santos.

 

Condividi