Il dolore della 30enne zurighese
Il dolore della 30enne zurighese (rsi.ch)

Un infortunio nega il bronzo alle elvetiche

Problema alla spalla destra per la Heidrich nella finalina mondiale contro Müller/Tillmann

  • Stampa
  • Condividi
  • a A

È sfumato tutto proprio sul più bello per Joana Heidrich e Anouk Vergé-Dépré. Le due rossocrociate, che erano ad un passo dal conquistare la prima storica medaglia di beach volley femminile ai Mondiali di Roma contro le tedesche Svenja Müller e Cinja Tillmann, hanno infatti dovuto alzare bandiera bianca a causa di un brutto infortunio occorso alla Heidrich.

Durante il secondo set, e dopo aver conquistato con grande autorità il primo per 21-16, alla zurighese è infatti uscita la spalla appena dopo aver servito. Gli applausi che fino a quel momento stavano accompagnando la grande prestazione delle elvetiche (avanti 10-7), hanno così dovuto lasciar spazio alle urla di dolore della 30enne, che ha inevitabilmente alzato bandiera bianca, consegnando a malincuore la medaglia di bronzo alle tedesche.

Titoli a Duda/Ana Patricia e Mol/Sorum

Le brasiliane Duda e Ana Patricia hanno vinto il loro primo titolo mondiale, il sesto per il Brasile nella giovane storia del torneo iridato. Le verdeoro hanno battuto le canadesi Bukovec/Brandie con i parziali di 21-17 21-19. In campo maschile si sono imposti i campioni olimpici in carica Mol/Sorum, che in finale non hanno avuto grosse difficoltà nel superare per 21-15 21-16 i brasiliani Renato/Vitor Felipe.

 
 
Condividi